La scuola per la lavorazione dei metalli di Buro II & Archi+I

Vista della scuola per la lavorazione dei metalli ad Anderlecht (foto di Buro II & Archi+I)
Vista della scuola per la lavorazione dei metalli ad Anderlecht (foto di Buro II & Archi+I)

Ad Anderlecht, Olanda, lo studio Buro II & Archi+I si è occupato della costruzione di una scuola per la lavorazione dei metalli che prevede due specializzazioni, sia come fabbri che per la lavorazione ornamentale.

L'edificio rivestito in metallo, su un basamento in calcestruzzo (foto di Buro II & Archi+I)
L’edificio rivestito in metallo, su un basamento in calcestruzzo (foto di Buro II & Archi+I)

L’istituto, che realizza anche una vera e propria vetrina per l’artigianato locale, è situato nel contesto del campus universitario composto dalle scuole del Cvo e dell’Erasmus University College.

Particolare del prospetto esterno (foto di Buro II & Archi+I)
Particolare del prospetto esterno (foto di Buro II & Archi+I)

Definita da una forma compatta, la nuova scuola configura uno spazio costruito inteso a lasciare libera la maggior superficie possibile del sito, un’area naturale destinata all’equitazione, funzione connessa alla presenza del laboratorio per fabbri.

Vista degli interni aperti verso il patio (foto di Buro II & Archi+I)
Vista degli interni aperti verso il patio (foto di Buro II & Archi+I)

L’edificio è disposto su una superficie di 1525 metri quadrati e adotta la tipologia a patio per ragioni di sicurezza e di controllo del rumore, consentendo, quindi, un utilizzo efficiente e condiviso dei laboratori ed impianti tecnici.

Inquadramento planimetrico (foto di Buro II & Archi+I)
Inquadramento planimetrico (foto di Buro II & Archi+I)

La maggior parte delle funzioni, le fucine, i servizi igienici, sale per il personale ed aule si trovano al piano terra della struttura; mentre spogliatoi, docce e altre aule sono disposte sul primo piano secondo un modello a duplex.

Planimetria del piano terra (foto di Buro II & Archi+I)
Planimetria del piano terra (foto di Buro II & Archi+I)

Verso lo spazio del patio sono collocati i laboratori, aperti con porte sezionali trasparenti per consentire la vista sull’esterno e tra le varie fucine.

Planimetria del piano primo (foto di Buro II & Archi+I)
Planimetria del piano primo (foto di Buro II & Archi+I)

Le facciate esterne ed il tetto sono, invece, racchiusi da una lastra in acciaio verniciato color rame che rimanda alla lavorazione artigianale del metallo, definendo un aspetto più caldo, e non solo industriale, per l’edificio.

Particolare della copertura a shed (foto di Buro II & Archi+I)
Particolare della copertura a shed (foto di Buro II & Archi+I)

Le variazioni della copertura a shed, riflettono invece il passato manifatturiero ed industriale della zona, caratterizzando l’architettura nella sua forma.

Sezione longitudinale (foto di Buro II & Archi+I)
Sezione longitudinale (foto di Buro II & Archi+I)

Così disegnata, la copertura permette, infine, di fornire la massima luce e ventilazione naturali necessarie per le particolari lavorazioni nella struttura.

Gli interni delle fucine (foto di Buro II & Archi+I)
Gli interni delle fucine (foto di Buro II & Archi+I)
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here