L’Arc de celerité di Petràkovà e Chantanakajornfung

L’Arc de celerité a Instambul (foto di Lenka Petràkovà, Arpapan Chantanakajornfung)

La città di Istanbul è un’importante crocevia tra Europa ed Asia, uno dei più importanti punti di incontro per il commercio ed il turismo, che negli ultimi anni si è trasformato per diventare uno tra i nodi di trasporto più grandi al mondo.

Vista della imponente proposta infrastrutturale (foto di Lenka Petràkovà, Arpapan Chantanakajornfung)

Il progetto di Lenka Petràkovà e Arpapan Chantanakajornfung si inserisce in questo contesto, proponendo la stazione ferroviaria “Arc de celerité” come ultimo segmento delle infrastrutture che collegano Asia ed Europa.

Modello di progetto (foto di Lenka Petràkovà, Arpapan Chantanakajornfung)

L’infrastruttura costituirebbe non solo la porta d’accesso all’Europa, ma a causa della sua posizione, realizzerebbe anche la soglia verso il cuore della città vecchia di Istanbul. All’interno dell’hub, configurato come un imponente anello infrastrutturale, è possibile effettuare scambi viaggiando tra treni internazionali, regionali e locali, ma pure attraverso le vie di trasporto marittimo ed aereo. La circolazione costante è garantita da piattaforme che vengono agganciate al treno in movimento, senza mai fermarsi.

Schema funzionale (foto di Lenka Petràkovà, Arpapan Chantanakajornfung)

Attraverso questa possibilità di collegamento, i periodi di attesa nella stazione vengono ridotti al minimo e con l’inequiparabile sistema di movimento costante, Istanbul guadagnerebbe energia non solo per i mezzi di trasporto, ma pure per l’intera città, la cui richiesta energetica annuale sarebbe soddisfatta per un 20% sul totale.

Riferimento materico progettuale (foto di Lenka Petràkovà, Arpapan Chantanakajornfung)

La stazione ferroviaria ospiterebbe anche un centro commerciale, un albergo e il porto marittimo: tutte queste funzioni collegano la stazione alla città attraverso spazi pubblici e aree naturali che si sviluppano per tutti i tre chilometri di lunghezza dell’edificio.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO