L’architettura che cambia la vita

Cité Soleil è una città di Port-au-Prince, Haiti, densamente popolata e tristemente nota per l’elevato tasso di criminalità, tanto da essere classificata dalle Nazioni Unite come Zona Rossa (una regione che pone gravi problemi di sicurezza al proprio staff).

All’interno della Clinton Global Initiative, Morad Fareed, della società di real estate Delos e Boby Duval dell’Athlétique d’Haiti, hanno costituito Project Phoenix, un’organizzazione filantropica per garantire ai giovani il diritto di praticare sport, attraverso la progettazione  di un nuovo stadio di calcio nella città haitiana, che una volta completato potrà ospitare 12.000 spettatori

I render del progetto, appena pubblicati, nascono dalla collaborazione dell’architetto Carlos Zapata, dell’ingegnere William Faschan, del progettista di strutture sportive Gordon E. Wood e del paesaggista Charles Anderson.

Il costo stimato dell’opera si aggira intorno ai 5 milioni di dollari e la ricerca di fondi è tutt’ora in corso.

Per Morad Fareed, co-fondatore e Managing Partner di Delo, Project Phoenix è un brillante esempio di come l’architettura possa cambiare la vita.

Carlos Zapata afferma: « Non capita spesso che gli architetti arrivino a produrre progetti con un grande impatto sulla comunità, ma in questo quartiere di Haiti, con questo progetto, possiamo farlo. Si tratta di una struttura che sarà costruita dalla comunità, utilizzata dalla comunità, e mantenuta dalla comunità. Pertanto richiede un progetto in grado di ispirare e di diventare motivo di orgoglio».

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here