L’arena cangiante di Populous

L’arena di Leeds durante la notte (foto di Populous)

Populous, studio specializzato nella progettazione di grandi opere come stadi, centri congressi e arene, ha firmato anche l’arena di Leeds, in Inghilterra, da poco terminata.

Vista della struttura nel contesto urbano (foto di Populous)

L’infrastruttura, a lungo richiesta dai residenti di Leeds, si trova nel centro della città e il progetto include lo sviluppo del nuovo spazio pubblico che costituisce l’ingresso principale per l’arena. Integrata nel quartiere culturale, molto vicina all’edificato denso pre-esistente, l’arena si propone come elemento che non svetta, in altezza, nel profilo edificato della città.

L’illuminazione notturna dell’arena (foto di Populous)

Ugualmente, la struttura, simile nella forma ad una grande conchiglia, diventa fortemente attrattiva per il suo particolare andamento curvilineo e per l’involucro che si anima durante gli eventi, riflettendo all’esterno lo “stato d’animo” delle performance.

Particolare della facciata dall’illuminazione cangiante (foto di Populous)

L’arena è costituita, infatti, da una facciata stratificata in un andamento dinamico, dotata d’illuminazione led in serie, che attraverso il rincorrersi d’accensione e spegnimento offre al visitatore un effetto visivo emozionante.

Interno della sala concerti (foto di Populous)

Con i suoi 13.500 posti, la struttura è sviluppata per mantenere il più possibile la vicinanza dello spettatore al palco, garantendo ottime prestazioni visive durante l’esibizione.

Pianta del terzo piano (foto di Populous)

 

Ben 15 file di posti a sedere sono inoltre removibili, grazie alla disposizione su più livelli, riuscendo a trasformare lo spazio interno da luogo musicale per concerti a stadio di basket, tennis, o ring per incontri di pugilato, assicurando la flessibilità ed adattabilità multifunzionale.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO