L’Asilo nido di Cobe a Copenaghen

[metaslider id=34297]
Un nuovo Asilo nido a Copenaghen è stato completato dagli architetti danesi dello studio Cobe: l’architettura si distingue per il profilo curvilineo che realizza un paesaggio integrato a lussureggianti giardini pensili. Una speciale facciata in mattoni, conferisce all’edificio un aspetto moderno e caldo, allo stesso tempo, riflettendo i suoi dintorni storici.

L'architettura è dominata dalle lamelle in laterizio delle facciate (foto di Adam Mørk)
L’architettura è dominata dalle lamelle in laterizio delle facciate (foto di Adam Mørk)

“Con questo progetto, abbiamo voluto creare un centro diurno di livello mondiale. Un luogo che offre il miglior ambiente possibile per far crescere i nostri figli, e che promuove l’apprendimento e la creatività dei bambini. Situato in una zona storica di Copenaghen, occupata principalmente da case di cura e residenze per anziani, siamo stati molto attenti a garantire una coerenza architettonica tra l’area e la nuova costruzione. Dall’essere l’ultima abitazione per la vita di molte persone, la zona è ora anche un luogo dove i bambini crescono e iniziano la loro vita”, dice Dan Stubbergaard, fondatore e direttore creativo di Cobe.

Dan Stubbergaard continua: “Si tratta di un’arte sensibile l’aggiungere il nuovo al vecchio in un’area storica. Prima di tutto abbiamo voluto capire le caratteristiche della zona e quindi abbiamo deciso di rafforzarla, ma allo stesso tempo di creare qualcosa di nuovo e contrastante. La facciata della scuola materna è, per esempio, un chiaro riferimento agli edifici in mattoni rossi della zona. Invece di usare i mattoni tradizionali orizzontali, la facciata è costituita da lamelle verticali continue e di laterizio, segno riconoscibile di casa in casa, che circonda il giardino e il parco giochi. Oltre ad essere la facciata dell’edificio, l’involucro funziona anche come recinzione per il parco giochi, quale parapetto sui tetti e schermatura solare davanti alle finestre. La facciata dà una espressione uniforme ma allo stesso tempo è una moderna interpretazione architettonica, coerente con la zona”.

Vista sul giardino interno all'asilo (foto di Adam Mørk)
Vista sul giardino interno all’asilo (foto di Adam Mørk)

L’asilo è realizzato da cinque piccole case di non più di tre piani e ognuna di esse ospita tetti verdi e giardini pensili: all’esterno, l’asilo appare come un villaggio per i bambini, pur essendo un luogo funzionale ed efficiente, soprattutto nell’interno. Il piccolo spazio, compatto ed emozionante per i bambini, diviene una presenza coerente ma flessibile per la vita quotidiana di tutto il quartiere.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO