Lehmann Maupin Gallery, uno spazio storico interpretato da Oma

Oma, Lehmann Maupin Gallery, Hong Kong (foto di Philippe Ruault)

Ha aperto il 14 marzo la Lehmann Maupin Gallery, nuovo spazio espositivo a Hong Kong progettato da Oma. Situato all’interno di una delle poche strutture superstiti dell’anteguerra nel centro del distretto finanziario di Hong Kong, la galleria si propone come spazio espositivo di alto livello, nonché occasionale studio per artisti.

Oma, Lehmann Maupin Gallery, Hong Kong (foto di Philippe Ruault)

Oma ha concepito la Lehmann Maupin Gallery di Hong Kong come prosecuzione ideale dell’omonimo spazio di Chelsea, caratterizzato da un senso di rugosità ben orchestrata. Il progetto, guidato dal partenr di Oma David Gianotten e progettato dell’architetto Miranda Lee, decide di rivelare, invece che nascondere, la patina che contraddistingue lo storico Pedder Building dai suoi vicini più patinati del centro di Hong Kong.

Oma, Lehmann Maupin Gallery, Hong Kong (foto di Philippe Ruault)

La galleria è suddivisa in due spazi espositivi. Le nuove pareti bianche dello spazio principale sono costruite intorno ad una colonna centrale e a delle travi aeree – elementi preesistenti lasciati nello stato in cui sono stati trovati. Il secondo spazio può essere unito allo spazio principale o da esso separato attraverso una parete scorrevole, facilitando piccole mostre e rendendolo utilizzabile anche come sala audiovisivi privata.

Oma, Lehmann Maupin Gallery, Hong Kong (foto di Philippe Ruault)

David Gianotten ha così descritto il progetto: «La galleria è concepita come uno spazio per la fruizione ma anche per la realizzazione dell’arte. È allo stesso tempo uno sfondo per le opere d’arte e uno spazio di lavoro per gli artisti».

Oma, Lehmann Maupin Gallery, Hong Kong (foto di Philippe Ruault)

L’ingresso alla galleria avviene attraverso  una porta d’angolo che confonde il confine tra l’interno e l’esterno, consentendo il passaggio di opere d’arte di grandi dimensioni. I materiali utilizzati per le finiture interne seguono la stessa linea di quelli di New York, alla ricerca di uno spazio neutrale: compensato, pavimenti in cemento lucido e superfici bianche a fare da sfondo alle opere d’arte.

Oma, Lehmann Maupin Gallery, Hong Kong (foto di Philippe Ruault)

L’inaugurazione della Lehmann Maupin Gallery avviene con una mostra personale dell’artista coreano Lee Bul, visitabile fino all’11 maggio 2013.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here