Libeskind e le tre torri nel centro di Roma

Il nuovo quartiere degli affari di Tor di Valle, connesso alla realizzazione del nuovo stadio della Roma, con le tre torri di Daniel Libeskind (foto Studio Libeskind)
Il nuovo quartiere degli affari di Tor di Valle, connesso alla realizzazione del nuovo stadio della Roma, con le tre torri di Daniel Libeskind (foto Studio Libeskind)

Svelato dallo Studio Libeskind il concept del progetto architettonico di tre torri a uffici nel cuore del nuovo quartiere degli affari previsto a Tor di Valle e connesso alla realizzazione del nuovo stadio della Roma. Situato su una superficie di oltre 100 ettari, in precedenza sede dell’ippodromo di Roma, il business park di 287mila metri quadrati è parte di un piano generale più ampio ideato dallo Studio Libeskind in collaborazione con lo Studio Meis che comprende stadio, strutture di allenamento, edifici per uffici, low rise e hi-rise, negozi, ristoranti e cinema. Il masterplan, uno dei più importanti progetti di rigenerazione urbana in Europa, completamente finanziato con capitali privati per circa 1,5 miliardi di euro, prevede un distretto urbano sempre vivo e sostenibile, collegato al centro storico di Roma con significativi ammodernamenti alla mobilità pubblica e privata.

Daniel-Libeskind-2«Realizzare un contributo architettonico per la Città Eterna è un’opportunità preziosa. Roma avrà un business park di livello internazionale collegato allo stadio, un quartiere vivace e sostenibile per questa antica città che guarda alle sfide della contemporaneità».
Daniel Libeskind

Il progetto per il business park è formato da tre torri che dialogano l’una con l’altra e che hanno una disposizione triangolare, con una piazza porticata di circa 3mila metri quadrati, adornata da un giardino e specchi d’acqua che riflettono la verticalità dei volumi. La piazza è collegata a una promenade commerciale che dalla rinnovata stazione di Tor di Valle conduce al nuovo stadio della Roma.

Le tre torri emergono da un podio a tre piani con un tetto verde (foto Studio Libeskind)
Le tre torri emergono da un podio a tre piani con un tetto verde (foto Studio Libeskind)

Le tre torri, che presentano un’altezza variabile fino a raggiungere circa 220 metri, emergono da un podio a tre piani con un tetto verde che ospiterà vari servizi come palestra e ristoranti. Le torri sono rivestite da una texture di pannelli opachi e trasparenti che movimentano la facciata e creano un’estetica comune al trittico di edifici. Ogni torre presenta una o due vaste aree verdi, con giardini che si sviluppano nella verticalità, circondate da vetrate, ognuna con openspace multi-livello pensati per il lavoro, lo svago o per eventi di vario genere.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here