L’imponente simbolo di Slucka per Yerevan

Visualizzazione del Centro Internazionale di Business a Yerevan (foto di Simonas Slucka – Dizonaurai)

La singolare proposta progettuale di Simonas Slucka, designer del team Dizonaurai, costituisce la realizzazione di un’ipotesi grafica relativa al concorso per lo sviluppo di un Centro Internazionale di Business ed un Hotel Intercontinentale a Yerevan, Armenia.

L’edificio riprende l’immagine simbolica del melograno (foto di Simonas Slucka – Dizonaurai)

Il progetto deriva la propria imponente conformazione dall’immagine di elementi relativi al territorio armeno e che ne sono il simbolo, quali il melograno, il Monte Ararat e l’Arca di Noè.

L’elemento architettonico domina il paesaggio (foto di Simonas Slucka – Dizonaurai)

Nella proposta di progetto tutte le funzioni richieste dal programma sono combinate per definire un unico oggetto architettonico: ideato come segno simbolico nella città, esso rimanda ad avvenimenti storici importanti.

La struttura, poggiata su un basamento è conformata da volumi digradanti (foto di Simonas Slucka – Dizonaurai)

Oltre alla sua forma rappresentativa, il progetto si costituisce quindi come simbolo territoriale attraverso la propria grande dimensione scalare, apparendo, come richiesto nel bando, quale elemento conclusivo delle principali strade urbane orientate verso di esso.

Planimetrie dei livelli nel basamento (foto di Simonas Slucka – Dizonaurai)

Asse dominante del complesso è, appunto, la strada Teryan, la cui direzione  viene accentuata nella proposta con la divisione del grande volume in due parti dissimmetriche.

Sezione trasversale (foto di Simonas Slucka – Dizonaurai)

Il complesso multifunzionale è configurato attraverso la presenza di un grande basamento che ricopre quasi l’intera superficie del sito di progetto, definendo spazi esterni pubblici che si riconnettono con l’intorno urbano.

Il prospetto principale rivolto alla città (foto di Simonas Slucka – Dizonaurai)

Sopra il basamento, un volume svettante pressochè semisferico e suddiviso, anch’esso, in due parti, è disposto a racchiudere volumi geometrici minori che digradano verso la città con un andamento diagonale rispetto al suolo.

Visualizzazione dell’inserimento planivolumetrico (foto di Simonas Slucka – Dizonaurai)

La proposta concilia così la richiesta di realizzare una vista panoramica sul centro della città e la contemporanea vista sul monte biblico Ararat, a sud, immaginando un elemento architettonico dominante nel paesaggio urbano di Yerevan.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here