L’impronta di una danza

 

Vista dall’esterno, Mauro Turin Architectes

A Ginevra, Piazza Charles-Sturm è segnata dalla presenza del dislivello collinare che definisce il solco di percorrenza dello spazio circostante. È questa la forte linea sulla quale il progetto del Geneva Dance Pavillion si pone in equilibrio, esattamente come un ballerino trova la sua dinamica attraverso l’impronta lasciata a terra.

Entrata del Geneva Dance Pavillion, Mauro Turin Architectes

Come l’inizio di una rappresentazione segnata dalla presenza astratta del suono e del buio così il progetto, ad opera dello studio  Mauro Turin Architectes, è definito come l’astrazione dello spazio lungo questa linea.

Interno, Mauro Turin Architectes

Al Geneva Dance Pavillion la folla arriverà seguendo in modo naturale questa direzione, per proseguire in una sequenza spaziale che guida al luogo della rappresentazione, la luce da raggiungere prima che lo spettacolo abbia inizio.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here