L’involucro parametrico del Vanke Pavilion a Expo 2015

L'accesso al Vanke Pavilion (foto di Casalgrande Padana)
L’accesso al Vanke Pavilion (foto di Casalgrande Padana)

Solo un anno fa mr Wang Shi, presidente della prestigiosa società immobiliare China Vanke, alla presenza del Sindaco di Milano, Giuliano Pisapia; del Console generale della Cina, Liao Juhua; e del Commissario unico di Expo 2015, Giuseppe Sala, svelava i rendering del suo padiglione. Vanke è la prima società immobiliare cinese e tra le principali al mondo, quotata alla borsa di Shenzen, gestisce oltre mezzo milione di unità abitative fornendo servizi per 1,5 milioni di persone. Fondata nel 1984 su principi di etica, trasparenza e competenza operativa, grazie alle sue eccellenti performance aziendali è stata insignita per otto anni consecutivi del riconoscimento “China’s Most Respected Companies”.

L'involucro in grès porcellanato delinea il volume del padiglione (foto di Casalgrande Padana)
L’involucro in grès porcellanato delinea il volume del padiglione (foto di Casalgrande Padana)

Non a caso, lo scorso 4 marzo il Vanke Pavilion è stato il primo padiglione a essere ufficialmente consegnato ad Expo 2015: un traguardo raggiunto dopo 10 mesi di lavoro all’interno del cantiere dove, accanto alla bandiera della Repubblica Popolare, sventola a buon diritto e con orgoglio quella italiana. Con la collaborazione dell’azienda Casalgrande Padana, infatti, l’avveniristico involucro in grès porcellanato ha tradotto in opera una figura architettonica tra le più complesse da realizzare nell’intero sito Expo.

Particolari del padiglione e del suo involucro (foto di Casalgrande Padana)
Particolari del padiglione e del suo involucro (foto di Casalgrande Padana)

Il progetto del padiglione, curato dallo Studio Libeskind, con allestimento degli interni di Ralph Appelbaum Associates, è situato in posizione strategica, poco distante dal Lake Arena e da Palazzo Italia. La struttura si impone per la forte carica figurativa che, attraverso l’organica plasticità dell’involucro parametrico, richiama l’attenzione sulle questioni chiave proposte dal tema di Expo 2015, “Nutrire il pianeta”: il padiglione, infatti, articola il tema “building community through food” rivisitando l’architettura di un tradizionale Shitang, la sala da pranzo comunitaria cinese.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here