Lo Smithsonian Campus di Washington di Big

Il Castello e la nuova Arthur M. Sackler Gallery (foto di Big)
Il Castello e la nuova Arthur M. Sackler Gallery (foto di Big)

Il masterplan realizzato da Big per lo Smithsonian South Mall Campus di Washington comprende la riqualificazione degli spazi museali dell’antica istituzione e la riconfigurazione del complesso e dei suoi giardini lungo Independence Avenue SW.

Vista notturna del Castello dai giardini (foto di Big)
Vista notturna del Castello dai giardini (foto di Big)

“Insieme all’Istituzione Smithsonian, con la quale abbiamo lavorato a stretto contatto nel corso dell’ultimo anno e mezzo, abbiamo ideato un masterplan per il campus South Mall, quale esempio di reinterpretazione radicale. Per risolvere le contraddizioni tra vecchio e nuovo, e per trovare la libertà entro i confini di una severa regolamentazione e conservazione storica, abbiamo scelto di reinterpretare con attenzione gli elementi che sono già presenti nel campus.

La nuova visibilità, dalla strada, dell'Arthur M. Sackler Gallery (foto di Big)
La nuova visibilità, dalla strada, dell’Arthur M. Sackler Gallery (foto di Big)

Per forgiare nuovi legami tra le varie esigenze tecniche, funzionali, logistiche e curatoriali, abbiamo ideato un nuovo paesaggio di connettività e possibilità. Crediamo che questo progetto abbia il potenziale per guidare lo Smithsonian South Mall Campus verso il futuro, pur rimanendo saldamente radicata nel suo patrimonio” ha dichiarato Bjarke Ingels, partner fondatore dello studio Big.

Il Castello e la nuova Arthur M. Sackler Gallery (foto di Big)
Il Castello e la nuova Arthur M. Sackler Gallery (foto di Big)

La proposta ha tre obiettivi principali: migliorare ed ampliare i servizi e le informazioni per i visitatori; realizzare ingressi chiari e connessioni tra i musei ed i giardini; sostituire i sistemi portanti che non garantiscono più la tenuta strutturale.

Gli spazi interni della Arthur M. Sackler Gallery (foto di Big)
Gli spazi interni della Arthur M. Sackler Gallery (foto di Big)

Fulcro del progetto è il Castello, sede storica della Smithsonian inaugurata nel 1855, e ora anche centro per informazioni turistiche. Il piano prevede un restauro della Great Hall e l’aggiunta di uno spazio sotterraneo a due livelli per i servizi al pubblico: entrambi gli interventi prevedono importanti risvolti tecnico-funzionali, quali l’adeguamento sismico e l’isolamento nel basamento interrato. Inoltre proprio nello spazio interrato sarà configurato l’ambito d’accesso al sistema museale ed, in particolare, al National Museum of African Art and Arthur M. Sackler Gallery. Qui il progetto prevede nuove strutture vetrate e coperte da superfici verdi, integrate, in interrato, con l’accesso al Castello e all’esterno con i giardini, le quali renderanno più visibile il museo dall’area principale d’ingresso al Campus. Una migliore visibilità e la sistemazione dell’accesso è previsto anche per la Freer Gallery e l’Hirshhorn Museum and Sculpture Garden, che comporranno così un vero complesso museale integrato.

Visualizzazione aerea del complesso illuminato durante la notte (foto di Big)
Visualizzazione aerea del complesso illuminato durante la notte (foto di Big)

La realizzazione del masterplan proposto si prevede possa essere attuata in un periodo tra i 10 ed i 20 anni, incominciando i lavori nel 2016.

Scheda
Progetto
Masterplan Smithsonian Institution, Washington D.C
Committente
Smithsonian Institution
Collaboratori
Surfacedesign (landscape), Robert Silman Associates (structural engineering), GHT (mechanical/electrical/plumbing), EHT Traceries (historic preservation), Stantec (National Environmental Protection Act compliance), Atelier Ten (sustainability), VJ Associates (cost estimation), Wiles Mensch (civil engineering), PE Group (fire/life safety), FDS Design Studio (food services), Kleinfelder (materials management)
Partners-in-charge
Bjarke Ingels, Thomas Christoffersen, Kai-Uwe Bergmann
Project manager
Ziad Shehab
Project leaders
Daniel Kidd, Sean Franklin
Gruppo di progettazione
Suemin Jeon, Alana Goldweit, Cadence Bayley, Lina Bondarenko, Annette Miller, Otilia Pupezeanu, Choongyho Lee, Doug Stechschulte, Jeremy Alain Siegel, Alexandre Hamlyn, Julian Ocampo Salazar, Tammy Teng, Daisy Zhong

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO