L’Oenothera Bridge di Marius Cernica

Vista della proposta di progetto per l'Oenothera Bridge (foto di Marius Cernica)
Vista della proposta di progetto per l’Oenothera Bridge (foto di Marius Cernica)

Il progetto “Oenothera Bridge” di Marius Cernica si pone come obiettivo di  implementare la presenza di una nuova struttura nel contesto preesistente, non lontano dal centro storico di Vienna.

Il ponte è disegnato da una struttura organica in calcestruzzo armato (foto di Marius Cernica)
Il ponte è disegnato da una struttura organica in calcestruzzo armato (foto di Marius Cernica)

La struttura proposta disegna un nuovo ponte dal carattere contemporaneo ed è formata da una serie di archi che attraversano il canale da un lato all’altro, collegandosi tra loro in punti specifici.

Gli incavi spaziali del ponte divengono spazi pubblici (foto di Marius Cernica)
Gli incavi spaziali del ponte divengono spazi pubblici (foto di Marius Cernica)

Ogni arco è ideato per essere composto da più sezioni prefabbricate in calcestruzzo che vengono poi assemblate in cantiere. Dovendo coprire una luce di circa 30 metri, le arcate hanno un’altezza di circa 80 centimetri nelle sezioni alla base, dove le forze raggiungono valori maggiori e circa 30 centimetri nelle sezioni di mezzeria, dove le forze di compressione sono più basse.

Immagine dello studio strutturale per il ponte (foto di Marius Cernica)
Immagine dello studio strutturale per il ponte (foto di Marius Cernica)

La struttura metallica che sorregge, e dà forma al ponte, è appesa agli elementi superiori, i punti fissi di tutto il ponte sono quelli che toccano gli archi portanti superiori e i due laterali che compongono, nella continuità formale che distingue il progetto, le superfici estreme di calpestio e dei parapetti.

La struttura è sorretta da arcate principali perfettamente integrate nella forma organica (foto di Marius Cernica)
La struttura è sorretta da arcate principali perfettamente integrate nella forma organica (foto di Marius Cernica)

Un’analisi computazionale è stata realizzata al fine di verificare come tutti gli elementi interconnessi reagiscano alle forze interne ed esterne. Inoltre, pur mantenendo il principio di eleganza formale, il disegno della struttura è stato integrato a molteplici funzioni disposte sul ponte.

Vista del modello di studio dall'alto (foto di Marius Cernica)
Vista del modello di studio dall’alto (foto di Marius Cernica)

Mettendo da parte la dinamica scultorea della struttura, che ne distingue l’andamento curvilineo ed organico, sono stati ideati due piccoli spazi caffetteria per permettere l’utilizzo del ponte anche quale spazio pubblico abitato.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO