Luce, comfort e creatività nella sede di Vigonza di Rossimoda

Il progetto del patio centrale, a cielo aperto, del secondo piano
Il progetto del patio centrale, a cielo aperto, del secondo piano

L’intervento effettuato nella sede centrale di Vigonza (Pd) di Rossimoda, azienda produttrice di scarpe facente parte di Lvmh Fashion Group, ha visto l’adeguamento della struttura alle normative attuali, oltre che un miglioramento del comfort lavorativo e dell’immagine dell’azienda.

Il patio a fine dei lavori
Il patio a fine dei lavori

Ma non solo. Chiave del progetto è stata la creazione, al secondo piano della struttura, di un patio a cielo aperto, baricentro attorno al quale ruota tutto il ramo aziendale che si occupa del design.

Il patio è delimitato da serramenti scorrevoli di grandi dimensioni
Il patio è delimitato da serramenti scorrevoli di grandi dimensioni

Il patio oltre a qualificare esteticamente il piano, inonda di luce gli ambienti creati attorno rendendoli stimolanti e piacevoli. «Forse a livello di produzione non cambierà molto –  sottolinea il geometra Roberto Cerabino, progettista e direttore dei lavori, ma per un Gruppo che si occupa di moda, questo intervento ha dato senza dubbio un valore aggiunto in termini di immagine».

La serra parte dal piano terra e raggiunge la copertura del secondo piano dove si conclude con un lucernario comandato elettricamente
La serra parte dal piano terra e raggiunge la copertura del secondo piano dove si conclude con un lucernario comandato elettricamente

Per incrementare l’illuminazione e l’aerazione del capannone – articolato su due livelli su una pianta di 60×60 metri – la parte centrale del soffitto del piano superiore è stata svuotata di circa 350 metri. Così invece dell’intera copertura – realizzata tradizionalmente con travi a ipsilon distanziate di 2,5 metri una dall’altra, appoggiate su un’ossatura di travi principali in calcestruzzo armato – sono state lasciate solo due in vista all’interno del patio a controventatura delle travi principali e come elemento architettonico di riconoscimento e testimonianza della struttura originaria.

Il frame di alluminio è una struttura stagna  che protegge dalle infiltrazioni
Il frame di alluminio è una struttura stagna che protegge dalle infiltrazioni

Una struttura perimetrale di protezione e di arredo del patio sorregge un frame di alluminio, una struttura a tenuta stagna per evitare trafilamenti di acqua all’interno, dato che vi sono ospitati vari impianti tra cui i cavi di collegamento della cintura di led inserita nel frame.

Particolare della pavmentazione del patio
Particolare della pavmentazione del patio

È stata realizzata una pavimentazione galleggiante, compresa la parte centrale inizialmente pensata in tek, ma poi, su richiesta del Gruppo Rossimoda, realizzata con una fibra estrusa di legno e materiale plastico e, per portar via l’acqua che attraversa le feritoie della pavimentazione in quadrotti di pietra, prima è stata realizzata una vasca in resina con dodici scarichi, tre volte più grandi del necessario per evacuare l’acqua il più velocemente possibile e senza complicazioni.

Un perimetro di vetrate scorrevoli e luminose
Per realizzare i serramenti scorrevoli in alluminio che chiudono il patio è stato scelto il sistema AluK SC140TT per alzanti/scorrevoli e scorrevoli a taglio termico. La robustezza dei telai ha consentito la costruzione di serramenti di grandi dimensioni: un totale di 14 scorrevoli di 4,5×2,4h metri circa, più quattro serramenti fissi e due portefinestre. All’elevata funzionalità ed estetica si accompagnano buone prestazioni di isolamento termico: la trasmittanza termica Uf è pari a 3,1 – 5,4 W/m2K.

Particolare della trave a Ypsilon
Particolare della trave a Ypsilon

Al di sopra dei serramenti, data l’impossibilità, per motivi di peso, di installarne di molto alti, è stato costruito un traliccio di sostegno e realizzate delle colonnine di giunzione in modo che dall’interno ci si potesse appoggiare ortogonalmente alle stesse con le pareti in cartongesso. Tutto intorno, dai precedenti magazzini e ripostigli sono stati ricavati una modelleria, una prototipia, gli uffici dedicati al reparto fashion design, un’area ristoro e dei nuovi bagni già adeguati all’uso da parte di persone diversamente abili, con un’aerazione e un’illuminazione superiore a quanto richiesto dalla normativa vigente.
Le travi della struttura, di 15-20 metri, si muovono continuamente per dilatazione termica, posare dei serramenti fissi in tale contesto avrebbe potuto dare problemi di torsione e tensione nei serramenti stessi. Sono stati, quindi, creati degli occhielli su ogni tipo di fissaggio per dar modo alla struttura di muoversi.
«Al riguardo non esisteva nessun background remoto di progetti di questo tipo a cui attingere come laboratorio di idee – spiega il geometra Cerabino -, pertanto questa soluzione, partorita da zero, ha richiesto un’analisi e uno studio non indifferenti, riassumendo: è stato fatto un cordolo perimetrale – in realtà due cordoli posizionati uno sopra l’altro e fissati con dei collanti che consentissero le dilatazioni – sul quale sono stati posati i serramenti, fissati nella parte alta al traliccio a sua volta fissato sotto l’ossatura delle travi principali in un senso e sotto le travi a ipsilon nell’altro senso».

Particolare dei serramenti e del frame
Particolare dei serramenti e del frame

Durante l’intervento sono anche stati smaltiti gli elementi in amianto, rifatti i controsoffitti, lucidati i pavimenti in cemento.
Al piano terra l’intervento ha riguardato la ridistribuzione degli ambienti per rispondere alle nuove esigenze organizzative, produttive e di immagine.
Tra gli interventi il più interessante sarà l’inserimento di una struttura a serra con vetro Rei120, che parte da terra e arriverà fino a bucare il solaio del primo piano continuando verso il patio che toccherà lateralmente proseguendo verso la copertura dove si ricaverà un lucernario con comando elettrico per l’apertura, per regolare la temperatura interna e l’aerazione. Sarà come un pozzo di vetro che incanalerà la luce dalla copertura, dal patio fino al pianterreno tutto open space. Si vedrà come una colonna di luce che entra dall’alto creando un effetto particolare e affascinante.

 

Scheda
Riqualificazione stabilimento produttivo a Vigonza (Pd). Realizzazione di un patio con scorrevoli al primo piano al centro del fabbricato
Committente
Rossimoda S.p.A. Gruppo LVMH Fashion Group
Progetto architettonico progetto strutturale e direzione lavori
Roberto Cerabino  e Giancarlo Cerabino (Pd)
General contractor
Erreti Srl – Studio tecnico immobiliare (Pd)
Supervisore referente per il Gruppo Rossimoda – Lvmh Fashion Group
Luca Zinato 
Serramenti
Aluk
Serie
Serie per scorrevoli e alzanti-scorrevoli SC140TT
Impresa fornitrice serramenti
Alfe, Cazzago di Pianiga (Ve)

[contact-form][contact-field label=’Nome’ type=’name’ required=’1’/][contact-field label=’E-mail’ type=’email’ required=’1’/][contact-field label=’Sito web’ type=’url’/][contact-field label=’Commento’ type=’textarea’ required=’1’/][/contact-form]

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO