Nieto Sobejano Arquitectos e il Centro Arvo Pärt

Il Centro Arvo Pärt innevato  (foto di Nieto Sobejano Arquitectos)
Il Centro Arvo Pärt innevato (foto di Nieto Sobejano Arquitectos)

Il progetto scelto per la realizzazione del Centro Arvo Pärt a Laulasmaa, Estonia, è quello dello studio Nieto Sobejano Arquitectos, che ha concepito una sequenza di spazi pubblici, collegati da un unico grande elemento di copertura.

Il Centro Arvo Pärt definito dalla grande copertura continua (foto di Nieto Sobejano Arquitectos)
Il Centro Arvo Pärt definito dalla grande copertura continua (foto di Nieto Sobejano Arquitectos)

I primi tre progetti classificati nel concorso sono stati scelti da una giuria composta da Michael Pärt, del Centro di Arvo Pärt, l’architetto giapponese Sou Fujimoto, alcuni membri dell’Union of Estonian Architects e degli enti locali.

Visuaalizzazione degli interni aperti su cortili (foto di Nieto Sobejano Arquitectos)
Visuaalizzazione degli interni aperti su cortili (foto di Nieto Sobejano Arquitectos)

Organizzata dalla Fondazione Centro Arvo Pärt, la competizione in due fasi ha attirato 71 partecipanti in una prima fase, seguita da una seconda fase con 20 studi di architettura internazionali ed estoni invitati alla partecipazione.

L'edificio nel paesaggio estone (foto di Nieto Sobejano Arquitectos)
L’edificio nel paesaggio estone (foto di Nieto Sobejano Arquitectos)

La giuria ha, poi, deciso di attribuire il primo premio allo studio Nieto Sobejano Arquitectos, il secondo e terzo classificati sono stati, invece, lo studio Allied Works e Kavakava Architects.

Un unico elemento alto permetterà la visione dell'intorno (foto di Nieto Sobejano Arquitectos)
Un unico elemento alto permetterà la visione dell’intorno (foto di Nieto Sobejano Arquitectos)

La fondazione Arvo Pärt Centre viene fondata nel 2010 dallo stimato, e riconosciuto a livello internazionale, compositore estone Arvo Pärt, con l’obiettivo di conservare e rendere disponibile allo studio la sua eredità creativa.

La maquette del progetto (foto di Nieto Sobejano Arquitectos)
La maquette del progetto (foto di Nieto Sobejano Arquitectos)

Il nuovo edificio, dedicato appunto al compositore, sarà costruito in un paesaggio naturale situato su una penisola coperta di una fitta pineta, a 35 chilometri da Tallinn.

La maquette illuminata come nelle ore notturne (foto di Nieto Sobejano Arquitectos)
La maquette illuminata come nelle ore notturne (foto di Nieto Sobejano Arquitectos)

La proposta vincente dello studio Nieto Sobejano prevede un programma funzionale che comprende gli  spazi per archivi della fondazione, la biblioteca, alcuni laboratori e locali amministrativi, così come spazi espositivi e un auditorium per concerti, spettacoli, conferenze e proiezioni di film.

Vista planivolumetrica del modello (foto di Nieto Sobejano Arquitectos)
Vista planivolumetrica del modello (foto di Nieto Sobejano Arquitectos)

Il progetto ricerca un equilibrio tra l’intimità delle composizioni musicali di Arvo Pärt e la potente bellezza del definito paesaggio estone.

Il complesso è racchiuso da fronti vetrati dell'altezza variabile (foto di Nieto Sobejano Arquitectos)
Il complesso è racchiuso da fronti vetrati dell’altezza variabile (foto di Nieto Sobejano Arquitectos)

Per tale motivo, la costruzione preserva tutti gli alberi di pino nel sito e genera un dialogo tra la struttura unitaria della copertura e la disposizione giocosa dei cortili e dei numerosi alberi racchiusi da questi, realizzando un’interpretazione del vuoto e del silenzio, quali protagonisti complementari delle pratiche artistiche dell’architettura e della musica.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO