Ovo, la struttura per nuove città nei ghiacci

Ovo, una nuova struttura urbana (foto di Next7 Competition)

Il progetto di Suthida Lertpanichphan, Patteera Chantrasuriyarat, Paphawarin Phrukwatthanakul, Rarin Komolsiripakdi e Thanakorn Leelasathapornkun si intitola Ovo e riguarda la possibilità di affrontare, attraverso nuove forme strutturali, i possibili grandi cambiamenti climatici del futuro.

Tavola di progetto per Ovo (foto di Next7 Competition)

Nel 2014 le città del Nord America hanno sofferto fortemente un gelo invernale straordinario: ciò è sicuramente il segno di una trasformazione del cambiamento climatico di cui ancora non siamo in grado di realizzare una precisa previsione.

Sezione del progetto Ovo (foto di Next7 Competition)

Questo indizio e moltri altri studi sulla possibilità di un’inversione magnetica e quindi di un forte cambiamento climatico, sono assunti come indicatori di un futuro possibile scenario dove il clima delle aree temperate muterà diventando assolutamente rigido e portando fenomeni di ghiacci e neve diffusi durante tutto l’arco dell’anno. Tale prospettiva, che rende veramente limitate le possibilità del vivere e dell’abitare il territorio, viene affrontata con la proposta di realizzare mega-strutture configurate come sistemi urbani sufficienti.

La struttura di Ovo vista dall’alto (foto di Next7 Competition)

Ovo, che ha ricevuto l’Honorable Mention
 alla Next7 Competition, prende infatti il nome dalla forma ovoidale della struttura che costituisce la nuova “città”: essa ospita al suo interno la vita in tutte le sue forme, grazie ad un sistema di scambio d’aria ed acqua.

Strutture Ovo nel contesto urbano (foto di Next7 Competition)

Gli insediamenti, diffusi sul territorio ghiacciato, hanno funzioni di riparo e protezione e agiscono come nuovi ecosistemi in cui sarebbe anche possibile mantenere la coltivazioni di vegetali, essenziali all’alimentazione, e realizzare forme di trasporto protette che, attraverso una rete strutturale, integrino l’una con l’altra le molteplici strutture urbane.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here