Palazzo Italia. La foresta di cemento

Il cemento e le casseforme utilizzate per le facciate sono stati sviluppati ad hoc da Italcementi e Syl-Comp Group (foto di Nemesi&Partners)
Il cemento e le casseforme utilizzate per le facciate sono stati sviluppati ad hoc da Italcementi e Syl-Comp Group (foto di Nemesi&Partners)

Roberta Alfani è responsabile del team di ricerca “Malte, Premiscelati e Prodotti finiti” di Italcementi e ha diretto lo sviluppo del i.active Biodynamic, il cemento utilizzato per la realizzazione delle facciate di Palazzo Italia.

Realizzata con i.active Biodynamic, Entreepic evoca un sistema vegetale simile a quello delle facciate di Palazzo Italia (foto di Mario Carrieri)
Realizzata con i.active Biodynamic, Entreepic evoca un sistema vegetale simile a quello delle facciate di Palazzo Italia (foto di Mario Carrieri)
Roberta Alfani, responsabile team di ricerca “Malte, Premiscelati e Prodotti finiti” di Italcementi Foto di Italcementi)
Roberta Alfani, responsabile team di ricerca “Malte, Premiscelati e Prodotti finiti” di Italcementi (foto di Italcementi)

«Si tratta di un prodotto appositamente concepito per rispondere alle esigenze dei progettisti, che erano alla ricerca di soluzioni per realizzare una struttura di rivestimento sottile, resistente e dalle forme complesse, oltre che ambientalmente sostenibile.
Abbiamo messo a punto un materiale per usi non strutturali caratterizzato da diverse proprietà specifiche: elevata resistenza a flesso-trazione, fluidità iniziale tre volte maggiore rispetto a quella di una malta standard, composizione per l’80% di aggregati riciclati fra cui sfridi di lavorazione del marmo di Carrara.

Getto di un pannello con finitura moofacciale: i.active Biodynamic presenta una fluidità prolungata nel tempo (foto di Styl-Comp Camillo Bonfanti)
Getto di un pannello con finitura moofacciale: i.active Biodynamic presenta una fluidità prolungata nel tempo (foto di Styl-Comp Camillo Bonfanti)

Lo studio di una curva granulometrica e di additivi ad hoc restituisce un grado di fluidità prolungata nel tempo, tale da facilitarne una vera e propria “dinamicità” nella distribuzione anche nelle sezioni più sottili delle casseforme. Il risultato è un materiale molto compatto, privo di vuoti ed esente da fessurazioni, capace di assecondare forme plastiche complesse.
Grazie all’uso di materiali riciclati di origine “nobile”, la sua superficie è bella da vedere e da toccare. Inoltre, per effetto del principio attivo TX Active, inoltre, svolge un’azione fotocatalitica per l’abbattimento degli inquinanti presenti nell’atmosfera.

Particolare modanature e forature
Particolare modanature e forature

Come nel caso della partecipazione all’Expo 2010 di Shanghai con il cemento trasparente i.light, siamo estremamente soddisfatti del lavoro compiuto. Il team, composto da quindici ricercatori impegnati per oltre diecimila ore di lavoro, sta tutt’ora collaborando con i tecnici di Styl Comp per gli aspetti connessi alla produzione prefabbricata dei componenti».

 

[contact-form][contact-field label=’Nome’ type=’name’ required=’1’/][contact-field label=’E-mail’ type=’email’ required=’1’/][contact-field label=’Sito web’ type=’url’/][contact-field label=’Messaggio’ type=’textarea’/][/contact-form]

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO