Partita a Lampedusa la “Festa dell’Architetto 2014”

Ha preso il via a Lampedusa la Festa dell’Architetto, quest’anno tutta dedicata al tema dell’emergenza e dell’accoglienza. “Lampedusa – spiega Leopoldo Freyrie, Presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori – è per certi versi luogo simbolo dove meglio che altrove si prende coscienza e consapevolezza del ruolo culturale e sociale, così come dei diritti e dei doveri, della comunità degli architetti italiani. A Lampedusa quotidianamente ci si confronta con i bisogni e le aspettative di chi sta peggio di noi, fuggendo da guerre e povertà: ma anche con i bisogni di quanti – come gli abitanti di quest’isola – dimostrano, da sempre, una straordinaria ed eroica capacità di accoglienza verso quei migranti che, sfidando la morte, rischiano la vita per cercare un futuro migliore”.

Leopoldo Freyrie, presidente Cnappc

“Con la ‘Festa dell’Architetto’ – spiega ancora Freyrie – vogliamo mettere a disposizione delle Istituzioni, attenzione e consapevolezza ma anche conoscenza e competenza verso il tema dell’emergenza e dell’accoglienza, convinti come siamo del ruolo sociale dell’architettura in tutte le sue possibili declinazioni professionali. Dunque non più magniloquenza o grande gesto architettonico, ma consapevolezza di diritti e di doveri verso i cittadini tutti”.

Tre giorni di dibattiti e di workshop – la Festa dell’Architetto si concluderà sabato 14 – con la partecipazione dei maggiori esperti  e progettisti provenienti dalle due sponde del Mediterraneo che si confronteranno su come l’emergenza dell’immigrazione, implichi un nuovo concetto dell’abitare. “Un concetto – dice Freyrie – che non può più prescindere  dalla necessità di accogliere, per il tempo necessario, i migranti nel nostro tessuto sociale. Ecco perché serve prima di tutto un salto di qualità culturale e politico in grado di immaginare luoghi di accoglienza dignitosi ed adeguati ai loro bisogni: così come serve una architettura nuova in grado di riprendere quel ruolo da troppo tempo abbandonato ed in grado di rispondere di più e meglio ai bisogni dei cittadini e dei luoghi”.

Nella giornata di venerdì 13 giugno, dopo la Conferenza degli Ordini degli Architetti italiani “Qualità architettonica come valore comune: dall’architettura dell’accoglienza alla cultura dell’abitare. Idee, strumenti e proposte per migliorare le città italiane”, che vedrà impegnati su questi temi i Presidenti degli Ordini provinciali, sono in programma tra le altre iniziative, la presentazione del Premio internazionale di Architettura “Abitare il Mediterraneo 2014” e la Lectio Magistralis di João Antonio Ribeiro Ferreira Nunes.

Nel corso delle tre giornate della “Festa dell’Architetto” – organizzate in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Agrigento e con la Consulta Regionale degli Ordini degli Architetti della Sicilia – saranno presentati una serie di progetti per l’accoglienza in emergenza perché è fondamentale che lo sforzo italiano di solidarietà si concretizzi in spazi di vita migliori, per chi arriva nel nostro Paese così come per chi ospita; così come lo è aiutare le popolazioni dell’altra sponda del Mediterraneo a rimanere nei luoghi da cui parte l’immigrazione.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here