Piazza della sostenibilità ad Expoedilizia

 

Foto di Gbc

Green Building Council Italia parteciperà ad Expoedilizia, la fiera internazionale per l’edilizia e l’architettura che si terrà a Roma dal 21 al 24 marzo 2013, curando la “Piazza della sostenibilità”, uno spazio per convegni, seminari e corsi di formazione pensato per far incontrare domanda e offerta di “Servizi Green”, all’interno del quale sarà allestita una mostra di progetti Leed e Gbc presenti sul territorio italiano.

È stato affidato a Gbc il convegno d’apertura della manifestazione, “Italia, Europa: la riqualificazione edilizia e urbana per il rilancio della filiera”, un incontro che si terrà giovedì 21 marzo 2013 con esponenti del mondo istituzionale (Commissione Europea, Ministero dell’Ambiente, Regione Lazio e Comune di Roma) e degli enti (Nomisma e Anci) per discutere di come il rilancio della competitività del comparto possa arrivare dalle direttive europee che impongono il raggiungimento degli obiettivi del 20-20-20.

Tali tematiche saranno ulteriormente approfondite durante i successivi appuntamenti, tra i quali, venerdì 22 marzo “Italia, Europa: strumenti, esempi e buone pratiche di edilizia sostenibile secondo i protocolli Leed e Gbc”, che fornirà esempi e strumenti concreti di realizzazione come il Green Public Procurement con Ecosistemi e gli strumenti di finanza con Sinloc.

Durante l’incontro verrà presentato in anteprima “Gbc Quartieri” uno strumento che misura e promuove la creazione di quartieri salutari, sicuri e sostenibili, riqualificando porzioni di territorio. Tra le case history che verranno presentae, i.lab, il Centro Ricerca e Innovazione di Italcementi, progettato da Richard Meier, che ha ottenuto la certificazione Leed Platinum e l’edificio nel “Parco dei Mulini” a Lugo di Romagna (Ra) con tecnologia “Ebs –Easy Building System”di Cogefrin, primo ad essere certificato Gbc Home, il protocollo di valutazione della sostenibilità ambientale degli edifici residenziali che prende spunto da Leed for Homes.

La Piazza della Sostenibilità ospiterà anche diversi workshop: giovedì 21 verrà presentato da Unioncamere Veneto il progetto “Construction 21” la piattaforma europea per i green building che vede il contributo anche di Gbc Italia, cui seguirà un intervento di Grohe sul risparmio idrico.

L’area incontri ad Expoedilizia (foto di Gbc)

Venerdì 22 si parlerà di “Green Products”, di Criteri Ambientali Minimi e Green Pubblic Procurement insieme ad alcuni soci di Gbc Italia come Far System, Diasen, Italcementi, Aitec, Tecnova ed Ecosistemi. A seguire, un workshop sulla Riqualificazione energetica e il risanamento conservativo in cui Manens-Tifs presenterà il caso studio di recupero energetico di un edificio storico. Seguirà un breve approfondimento di Macro Design Studio, il Consorzio Legno Legno, la Confederazione Nazionale dell’Artigianato e Fresia Alluminio sul ruolo della posa certificata nel protocollo Gbc Home.

Sabato 23 marzo verranno presentate le linee guida di Gbc Historic Building nel seminario “Verso il protocollo di sostenibilità ambientale per gli edifici storici” a cura del comitato Gbc Historic Building e dell’Università di Ferrara. Si parlerà anche di “Progettazione integrata e realizzazione consapevole” insieme a Macro Design Studio e Officine Green Building,  mentre nel pomeriggio vi sarà un approfondimento dedicato ai “Green Jobs” e le nuove realtà professionali legate al mondo della Green Economy con approfondimento specifico al settore delle costruzioni.

Durante Expooedilizia, Gbc Italia terrà inoltre quattro corsi di formazione, di diversi livelli di specializzazione: Azioni formative finalizzate alla consapevolezza e diffusione dei concetti di Green BuildingI prodotti secondo i protocolli Leed e Gbc ItaliaIl processo di Commissioning e I vantaggi economici di un green building per la committenza.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here