Rethinking the Urban Landscape. Londra, the Building Centre

Battersea Power Station, vista lungo il fiume
Battersea Power Station, vista lungo il fiume

Rethinking the Urban Landscape”, un dinamico percorso espositivo  attraverso quaranticinque  progetti esemplari di architettura paesaggistica, in mostra nelle gallerie del Building Centre di Londra. Opere contemporanee, realizzate o ancora “work in progress” nel Regno Unito e  nel resto del mondo, dove le infrastrutture a verde divengono la spina portante dell’opera  non solo per i loro valori estetici ma soprattutto per il loro contributo verso la sostenibilità, la salvaguardia della salute dei cittadini e la prevenzione di disastri ambientali quali ad esempio le alluvioni.  “Grandi progetti “ che spaziano tra scale d’intervento  diverse ed includono opere estese quali il Queen Elisabeth Olympic Park e King’s Cross Central a Londra  insieme a progetti ad una dimensione decisamente più contenuta, in favore di piccole comunità, dove il verde diviene un punto d’interazione e condivisione. Curatori  dell’iniziativa, il Building Centre ed il Landscape Institute, uniti nel sottolineare l’importanza dell’approccio paesaggistico fin dalle prime fasi progettuali di un opera.

Battersea Power Station, vista della corte interna e stralci della corte e della copertura
Battersea Power Station, vista della corte interna e stralci della corte e della copertura

“Questa mostra – spiega Noel Farrer, Presidente del Landscape Institute – vuole sottolineare l’urgente necessità di un approccio progettuale guidato dall’architettura paesaggistica per i nostri paesi e le nostre città. Gli architetti paesaggisti – prosegue – sono in grado di individuare soluzioni intrinseche al paesaggio naturale, evitando risposte progettuali  eccessivamente ingegnerizzate e creando schemi che alla fine siano più sostenibili, meglio disegnati  e luoghi più piacevoli dove vivere”.

Ghat Steps a King’s Cross, evento in parallello alle mostre floreali di Chelsea (foto di Townshend Landscape Architects ltd)
Ghat Steps a King’s Cross, evento in parallello alle mostre floreali di Chelsea (foto di Townshend Landscape Architects ltd)

Curatori della mostra, Lewis Blackwell del Building Center e Paul Lincoln del Landscape Institute che sottolineano l’importanza dell’intervento degli architetti paesaggisti nei progetti maggiori fin dalle prime fasi di disegno, al fine di creare città più salutari e sicure dando vita a luoghi felici dove i cittadini possono vivere, giocare e lavorare limitando gli effetti negativi  dei tempi moderni quali la povera qualità dell’aria e le alluvioni.

King Cross Central

Masterplan di King’s Cross (foto di Townshend Landscape Architects ltd)
Masterplan di King’s Cross (foto di Townshend Landscape Architects ltd)

Tra i più importanti progetti di riuso  e riorganizzazione della capitale britannica negli ultimi decenni, King’s Cross ha visto la trasformazione di un’estesa area postindustriale in uno dei quartieri più vivaci e dinamici  della città. Spina portante dell’intervento, l’integrazione fin dalle prime fasi progettuali tra disegno urbano, architettura e progettazione del paesaggio.  All’interno del masterplan, 26 acri di parchi, strade e piazze dove il vecchio e il nuovo convivono enfatizzando le amenità del sito.

Battersea Power Station

Battersea Power Station, vista aerea
Battersea Power Station, vista aerea

Attorno alla indimenticabile icona culturale, focus di ambiziosi programmi di riuso, una serie di  sistemi paesaggistici che si accostano ed includono infiniti spazi pavimentati, orticoltura, riorganizzazione delle acque, microclimi, biodiversità e topografia qualificati da caratteristiche ispirate dall’industria, legata alla storia del sito.

Parco Olimpico

Olympic Park, vista aerea (foto di Lda Design)
Olympic Park, vista aerea (foto di Lda Design)

Realizzato in occasione dei giochi olimpici del 2012, il Queen Elisabeth Olympic Park si è posto come un tessuto connettivo tra le grandi attrezzature per i giochi, ora convertite ad un uso pubblico.

Valencia Parque Central

Gustafson Porter. Valenzia Parque Central
Gustafson Porter. Valenzia Parque Central

Verde mediterraneo per il grande progetto del Valencia Parque Central, riconosciuto come il più esteso progetto di riuso nella città spagnola. Ubicato nel centro cittadino, nasce su un’area di 66 ettari un tempo occupata dalla ferrovie che ora scorreranno in tunnel sotterranei. Secondo il progetto 23 acri del sito accoglieranno il cuore verde di Valencia con giardini, spazi aperti, aree ricreative e culturali mentre i rimanenti 43 acri verranno destinati ad interventi residenziali con estese aree a verde. Di Gustafson Porter il disegno per l’architettura del paesaggio.

Bdp Alder Hey

Bdp, Alder Hey, the hill  in the park
Bdp, Alder Hey, the hill in the park

“The Hill in the Park”, (l’isola nel parco) il tema d’ispirazione per l’ospedale per bambini  Alder  Hey di Liverpool firmato da BDP. Un ospedale senza precedenti, dove pazienti e visitatori interagiscono con il parco circostante.

Beiqijia Technology Business District

Beiqijia Technology Business District (foto di Terrence Zhang)
Beiqijia Technology Business District (foto di Terrence Zhang)

Spazi caratterizzati da interessanti soluzioni paesaggistiche per il Beiqijia Technology Business District  a Nord di Pechino. Accanto alla precisa identità progettuale del luogo, spazi aperti che promuovono uno stile di vita sano, provvedono strategie per  un uso sostenibile delle acque urbane e offrono  un micro-clima esterno denso di comfort.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO