Richard Meier. Architettura e design

Dal 17 maggio al 28 luglio la Fondazione Bisazza di Montecchio celebra i cinquant’anni di attività dello studio Richard Meier ospitando la prima europea della retrospettiva sull’opera dell’architetto americano cui si accompagna un’installazione appositamente concepita per la collezione permanente della Fondazione, intitolata “Internal Time”.

La mostra offre un’acccurata selezione di progetti e costruzioni attraverso modelli, disegni e fotografie, nonché comprendere oggetti e accessori, forse meno conosciuti, di design.

La personale composizione geometrica e spaziale d’evocazione modernista rende chiaramente distinguibili le architetture di Meier, dalla Smith House al Getty Center, fino al più recente museo Arp in Germania,comprendendo le opere “italiane” per l’Ara Pacis e la Chiesa del Giubileo a Roma e per Italcementi a Bergamo; il Pritzker Prize, nato nel 1934, si dichiara onorato di poter celebrare il suo lavoro passato con questa iniziativa e di poter mettere in rilievo quanto ancora sta producendo specialmente in Europa. 

Una sala dell’esposizione è interamente dedicata al progetto di concorso per il memoriale di Ground Zero a New York attraverso un percorso di video, immagini e schizzi.

La Fondazione Bisazza, organizzazione privata non-profit nata per sensibilizzare l’attenzione culturale verso l’architettura e il design, presieduta da Piero e Rossella Bisazza e diretta da Maria Cristina Didero, prosegue con questa iniziativa un programma culturale dedicato alle figure eminenti dell’architettura contemporanea cui si associa l’esposizione di opere “specific site”.

In questo senso l’opera di Meier “Internal Time” offre l’occasione di evocare la presenza di un giardino stilizzato realizzato con elementi verticali del tutto asimmetrici ricoperti in mosaico alti 4 metri e mezzo con una base di 80×80 cm la cui percezione varia in un continuo parallasse. La luce naturale contribuisce a un’esperienza intima e sensoriale all’interno dello spazio espositivo della Fondazione.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here