Rigenerare superluoghi

Armando dal Fabbro, Venezia Lifestyle Center

Nell’ambito della rigenerazione urbana, tema al centro del dibattito architettonico degli ultimi anni, si inserisce il progetto dell’architetto Armando dal Fabbro per il Venezia Lifestyle Center: un intervento di particolare valore non solo per la riscoperta delle potenzialità del singolo oggetto architettonico, ma anche in quanto primo passo verso un futuro progetto di rigenerazione urbana, volano per il rilancio di attività e possibilità.

Armando dal Fabbro, Venezia Lifestyle Center

Nelle parole dell’architetto Dal Fabbro, sono progetti che coinvolgono superluoghi: «luoghi in divenire, luoghi che attendono ancora un progetto», nei quali «le vestigia del recente passato si evolvono per accogliere nuove funzioni […] in un luogo finora dedicato solo al lavoro: con le piazze, il verde, bar, ristoranti, negozi e con spazi destinati alla cultura e allo spettacolo».

Armando dal Fabbro, Venezia Lifestyle Center

Un esempio virtuoso che mostra ciò che sarebbe possibile: una ridefinizione globale dell’area di Porto Marghera, un nuovo rapporto con il waterfront e con lo scenario di Venezia e della sua laguna, e insieme un nuovo modo di fare architettura, in una visione d’insieme fondata su principi di sostenibilità (da cui l’impiego di materiali tipici locali, come il vetro, autoctoni e prodotti sul territorio, come il laminato Zintek® delle coperture) che promuova una rinascita architettonica e funzionale.

Armando dal Fabbro, Venezia Lifestyle Center, vista del cantiere

Come aggiunge ancora Dal Fabbro, infatti, «è l’uso che, oltre a mantenere viva l’immagine e la memoria di un luogo, lo può a maggior ragione ricordare non come reliquia inattuale di archeologia industriale postmoderna, ma come evento di una nuova idea di contemporaneità» nella quale il passato non viene dimenticato ma usato e rivivificato.

Armando dal Fabbro, Venezia Lifestyle Center, vista del cantiere. Posa del Laminato Zintek
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here