Sperimentazione per un manto illuminato da raggi uv

Sentiero nel parco dopo il trattamento con Starpath (foto di Pro-Teq)

L’azienda britannica Pro-Teq Surfacing illumina, è il caso di dirlo, la strada con un innovativo sistema di riemersione luminosa grazie a Starpath, un prodotto per l’illuminazione a base liquida in grado di essere semplicemente spruzzato su un supporto sia morbido che duro. Questa innovativa tecnologia permette la ricostruzione della superficie di calpestio con materiali capaci di produrre l’assorbimento dei raggi ultravioletti durante le ore diurne e la loro riemersione nei momenti di buio.

Il sentiero nel parco di Christ’s Pieces a Cambridge prima del trattamento (foto di Pro-Teq)

Frutto di un importante ed esteso periodo di prove chimiche, Starpath comprende una moltitudine di campioni di prodotto con differenti rapporti di miscelazione e tecniche d’applicazione previste.

Viale nel parco di Cambridge durante la posa di Starpath (foto di Pro-Teq)

Il prodotto è attualmente in fase di sperimentazione presso Christ’s Pieces, un noto parco del Cambridge City Council, nell’area est di Cambridge e potrebbe aiutare tutti i Comuni del Regno Unito in materia di risparmio energetico ed economico. Starpath è conveniente sia per quanto riguarda la facilità d’istallazione che il mantenimento e la sua applicazione può essere effettuata su qualsiasi supporto esistente sia esso di cemento, asfalto, legno o altro substrato a base solida. Il materiale aggregato assorbe e immagazzina l’energia della luce ambientale rilasciandola durante le ore di buio e permettendo alle particelle di cui è composto di brillare.

Il prodotto riqualifica la superficie con la possibilità di scelta degli aggregati e dei colori di finitura (foto di Pro-Teq)

La sua naturale regolazione permette di ottenere un’illuminazione automatica dell’ambiente nei momenti di scarsa luminosità naturale. L’aggregato è una sorgente di luce diffusa e non riflettente capace perciò di migliorare la prestazione e potenziare la possibilità del suo utilizzo in qualsiasi luogo.

Paverel Road, una sentiero di Cambridge dopo l’istallazione di Starpath (foto di Pro-Teq)

Gli aspetti positivi di questa tecnologia sono facilmente individuabili: il materiale è sicuro e antiscivolo, resistente all’acqua, ha brevissimi tempi di posa, non vi è la necessità di rimozione dei sottofondi degradati, né quella di istallazione di particolari impianti d’illuminazione con le relative spese energetiche.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO