Stirling Prize 2012 ai luoghi per la ricerca scientifica d’autore

 

Vista dei Sainsbury Laboratory , opera degli architetti di Stanton Williams, all’interno dei Giardini Botanici dell’Università di Cambridge (foto di Hufton+Crow)

Al connubio tra architettura e scienza lo Stirling Prize del Riba per il  2012. Un premio prestigioso  che, alla sua diciassettesima edizione,  celebra  l’opera  del Sainsbury Laboratory  di Cambridge firmata dagli architetti di  Stanton Williams

di Renata Gatti

Ubicati all’interno deli giardini botanici dell’Università di  Cambridge, i laboratori sono caratterizzati da uno sviluppo contenuto su due livelli che rispetta l’amenità  del sito storico e materializza nuovi spazi per la ricerca e il lavoro, disegnati secondo la reinterpretazione  della tipologia  tradizionale del chiostro monastico e organizzati intorno ad una corte comune; spazio  d’eccellenza per la comunicazione il dibattito e la riflessione tra gli scienziati, a cui si affiancano anche un caffè e giardini pubblici. La pietra e il vetro sono i materiali protagonisti degli esterni  uniti in un linguaggio semplice e contemporaneo, segnato dalla ricercatezza dei dettagli costruttivi.

Vetro e pietra sono i materiali protagonisti del progetto vincitore dello Stirling Prize del Riba per il 2012 (foto di Hufton+Crow)

«Un progetto molto particolare – hanno detto i  membri della giuria – e allo stesso tempo una tipologia di edificio universale, spinta ad uno straordinario livello di sofisticazione e bellezza».  Notevole anche il suo impegno verso i principi della sostenibilità, per la quale  all’impegno  verso la riduzione delle prestazioni energetiche si affianca  anche quello degli usi futuri a lungo termine caratterizzati da un alto livello di flessibilità e adattabilità nei confronti delle necessità di scienza e ricerca. Agli architetti  di Stanton Williams, per la prima volta selezionati e vincitori del prestigioso trofeo, un premio di 20mila sterline. Tra i semifinalisti le opere di The Hepworth Wakefield di  David Chipperfield Architects, lo stadio dei Giochi Olimpici di Populous, Il Lyric Theatre di O’Donnell + Tuomey, il Maggie’s Centre di  Gartnavel di Oma e la New Court di Oma con Allies and Morrison.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here