Tamassociati è l’Architetto dell’Anno 2014

I progettisti di Tamassociati (foto di Tamassociati)
I progettisti di Tamassociati (foto di Tamassociati)

Lo studio Tamassociati è stato nominato “Architetto dell’Anno 2014” ottenendo un nuovo, importante, riconoscimento dopo una serie di premi internazionali. “Tamassociati è stato scelto anche per la capacità dello studio di valorizzare una dimensione etica della professione realizzando, attraverso un approccio rigoroso e un linguaggio sempre controllato, progetti d’architettura di qualità non solo in Italia ma anche, e soprattutto, in situazioni di particolare disagio, spesso caratterizzate da condizioni estreme causate da guerre, carestie, epidemie” è stato il commento della giuria selezionatrice, presieduta dall’arch. Mario Cucinella.

Il centro pediatrico a Port Sudan, premiato con il Zumtobel Group Award  (foto Massimo Grimaldi)
Il centro pediatrico a Port Sudan, premiato con il Zumtobel Group Award (foto Massimo Grimaldi)

Il premio, indetto dal Consiglio Nazionale Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, celebra l’architettura italiana e i suoi protagonisti come elementi centrali di un processo in grado di valorizzare la qualità del progetto nella sua più elevata dimensione civile e culturale. Durante il corso dell’ultimo anno, a portare alla ribalta internazionale lo studio veneziano, sono stati numerosi riconoscimenti: il Premio Ius-Cappochin per la costruzione dell’ospedale pediatrico più sostenibile al mondo; il Curry Stone Design Prize per le migliori realizzazioni di Social Design in Africa; l’ambitissimo Aga Khan Award for Architecture per l’ideazione, la costruzione partecipata e l’impatto eco-sociale di un ospedale simbolo in Africa; e, di poche settimane fa, lo Zumtobel Group Award per l’innovazione e la sostenibilità di una nuova struttura ospedaliera in Africa.

Particolare di uno spazio di attesa del centro pediatrico a Port Sudan (foto di Massimo Grimaldi)
Particolare di uno spazio di attesa del centro pediatrico a Port Sudan (foto di Massimo Grimaldi)

Ora, Tamassociati – riconosciuto come portatore di un linguaggio estetico innovativo e di una nuova organizzazione del lavoro che permette la sintesi migliore tra risorse disponibili e risultati finali – low cost-high value – è impegnato su altri progetti di grande portata.

La Banca Popolare Etica a Padova (foto di E. Bellini, M. Bonfanti, G. Fedel)
La Banca Popolare Etica a Padova (foto di E. Bellini, M. Bonfanti, G. Fedel)

In Uganda, con Mira Nair per il Maisha Film Garden, è iniziata la progettazione della sede della Ong Maisha, voluta dalla regista Mira Nair per promuovere il cinema nel continente africano. In Senegal comincia, invece, la prima fase di costruzione partecipata di un eco-villaggio: una proposta rivoluzionaria per il Continente, che si concretizzerà nella realizzazione di un sistema-villaggio autosufficiente dal punto di vista idrico ed energetico.

Recupero e riuso di strutture post-industriali nei territori del Triveneto (foto di Tamassociati)
Recupero e riuso di strutture post-industriali nei territori del Triveneto (foto di Tamassociati)

Tamassociati si occuperà anche della ristrutturazione e dell’efficientamento energetico e tecnologico dell’ospedale di Emergency a Kabul, Afghanistan, nonché della realizzazione di un nuovo blocco operatorio d’avanguardia applicando i migliori criteri possibili di eccellenza progettuale e low cost in un contesto di guerra continua.

Il progetto co-housing a Treviso (foto di Tamassociati)
Il progetto co-housing a Treviso (foto di Tamassociati)

Infine, in Italia, lo studio è impegnato nella consegna di 2 grandi insediamenti di co-housing, in provincia di Bologna e di Treviso, ideati, proposti e realizzati dal team e già divenuti casi-studio da parte degli osservatori internazionali.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO