The Young Workers Hostel parigino di Chartier Dalix + Avenier Cornejo

[metaslider id=34682]
L’edificio nel 20mo arrondissement di Parigi, progettato da una joint venture tra gli studi Chartier-Dalix e Avenier-Cornejo , ospita 240 appartamenti per giovani lavoratori e migranti, più un nido d’ìnfanzia da 66 posti. All’interno di un’area urbana in veloce e significativa trasformazione infrastrutturale e funzionale, occupa un lotto dalla topografia accidentata che rende ben visibile la sua forma omogenea e tuttavia secata sia in orizzontale che in verticale da tagli che ne aprono il volume scalettato. In particolare, il terzo piano è completamente aperto e attraversato dagli spazi comuni per i residenti che sono qui invogliati al reciproco contatto. Il solco verticale tende invece a trasfomarsi in un condotto di luce che anima le zone di transito e accesso ai vari piani. Gli appartamenti, in cui prevale una pianta tipo rettangolare allungata con servizi, guardaroba, cottura e ambiente giorno-notte, sono composti al fine di massimizzarne l’uso, associando flessibilità e libertà d’arredo.

Il complesso ospita oltre duecento miniappartamenti e un asilo nido (foto David Foessel)
Il complesso ospita oltre duecento miniappartamenti e un asilo nido (foto David Foessel)

Il nido d’infanzia copre il piano terreno, mostrando a sud ambienti generosamente illuminati e spazi gioco filtrati da una copertura in rete metallica. La massa plastica dell’edificio si mostra prevalentemente rivestita da mattoni di lavorazione e posa semi-industriale, di una colorazione grigio-scura che sfuma in una gamma di varianti tonali e tende a limitare al massimo gli interventi manutentivi.

Una faglia verticale rivestita in rame dorato fa da condotto luminoso (foto David Foessel)
Una faglia verticale rivestita in rame dorato fa da condotto luminoso (foto David Foessel)

A ciò fa da contrasto lo squillante rivestimento ramato dei tagli. In alto, sul tetto, sono posate due turbine eoliche che generano energia per tutto il corpo di fabbrica, in relazione agli orari d’uso; si tratta di una soluzione ancora poco usata in ambiente residenziale urbano, ma che qui sfrutta appieno la particolare localizzazione altimetrica e il rapporto con le correnti d’aria del complesso.

Chartier Dalix + Avenier Cornejo

A sinitra Pascale Dalix e Frédéric Chartier, sulla destra Christelle Avenier e Miguel Cornejo (foto David Foessel)
A sinitra Pascale Dalix e Frédéric Chartier, sulla destra Christelle Avenier e Miguel Cornejo (foto David Foessel)

Dalla sua fondazione, Chartier Dalix  indirizza la sua ricerca verso un equilibrio tra la posizione e la proiezione. Entro la fine del 2013 ha portato a termine importanti progetti: la scuola di Fresnes, 53 appartamenti in Arcueil, 240 appartamenti in Porte des Lilas, l’estensione Archivi dipartimentali e l’estensione Chateau a Bacouel. Dopo la laurea, Christelle Avenier e Miguel Cornejo hanno unito le forze e stabilito il loro studio a Parigi. Oggi il  loro crescente portafoglio comprende diversi progetti completati su larga scala.

 

Scheda
Client
Rivp
Project
Chartier Dalix + Avenier Cornejo
Team
F. Bougon, Cferm, Evp, F. Boutté
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO