Foster propone un aeroporto sul Tamigi

 

Immagine di Foster and Partners

Foster + Partners ha formalmente presentato il proprio progetto per un nuovo aeroporto a quattro piste da costruirsi sull’isola di Grain, sull’estuario del Tamigi, alla commissione governativa per gli Aeroporti. La proposta per il Thames Hub Airport può contare sul sostegno del sindaco di Londra, Boris Johnson ed è stato sviluppato con il supporto di diverse organizzazioni.

Immagine di Foster and Partners

Il nuovo aeroporto potrebbe aprire nel 2029 con una capacità di 110 milioni di passeggeri all’anno ed un costo  di costruzione pari a circa 24 miliardi di sterline. La maggior parte dei voli potrebbe così raggiungere l’hub sorvolando il fiume, liberando così circa cinwur milioni di londinesi dall’inquinamento, il rumore ed i pericoli causati dagli attuali voli sulla capitale.

Immagine di Foster and Partners

La predisposizione di un modello di finanziamento privato assicura che il nuovo aeroporto sarà finanziariamente sostenibile e in grado di mantenere prezzi equi per i passeggeri e le compagnie aeree.

Immagine di Foster and Partners

Il sito proposto sfrutta l’attuale sviluppo di Londra verso est e gli investimenti in corso sui treni ad alta velocità, riducendo la necessità di vie d’accesso di superficie.

Immagine di Foster and Partners

Dopo la presentazione della propria proposta, Lord Foster ha commentato: «L’infrastruttura di una nazione non può mai essere data per scontata. Heathrow, con le sue origini militari, è un caso emblematico: sono state sfruttate tutte le possibilità di correzione ed ampliamento ma non è più in grado di rispondere alle esigenze attuali, nè tantomeno a quelle future.

Immagine di Dbox, Foster and Partners

Un hub con quattro nuove piste di atterraggio, per un costo di 24 milioni di sterline, risulta più economico dell’aggiunta di due nuove piste ad heatrow e necessita dei medesimi tempi di costruzione».

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO