Un anno di Heat4U

L’11 e il 12 ottobre scorsi presso la Fortezza Viscontea di Cassano d’Adda (MI) Robur, coordinatore del progetto europeo HEAT4U, ha presentato la conferenza “HEAT4U: 1° anno, primi risultati”, con l’obiettivo di interpretare i più recenti scenari normativi, legislativi e di incentivazione nel settore dell’efficienza energetica e delle rinnovabili termiche, anche attraverso best practices europee, nazionali e regionali.

Ampio spazio è stato riservato ai risultati del monitoraggio “in campo” di un impianto con pompe di calore ad assorbimento effettuato da RSE (Ricerca sul Sistema Energetico). Sono stati inoltre presentati i risultati del primo anno di attività del consorzio HEAT4U.

Obiettivo del progetto è di applicare la tecnologia delle pompe di calore ad assorbimento a gas naturale – oggi utilizzata con successo per il riscaldamento nel settore light commercial – anche nel residenziale di piccola taglia e in particolare negli edifici esistenti, responsabili, secondo recenti studi dell’Unione Europea, di circa il 49% del consumo energetico complessivo e del 36% delle emissioni di gas serra. L’elevata efficienza energetica, la considerevole quantità di energia rinnovabile e l’assenza di investimenti infrastrutturali possono rendere la tecnologia delle pompe di calore a gas naturale una delle più competitive sul mercato del riscaldamento.

Oltre a Robur, coordinatrice del progetto, il progetto vanta partner quali Pininfarina, ENEA, Politecnico di Milano, D’Appolonia e CF Consulting, le tedesche Bosch, E.ON e il centro di ricerca Fraunhofer Institute, le francesi GDF Suez e GRDF, British Gas, la polacca Flowair e il centro di ricerca sloveno ZAG.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here