Un appartamento nel vecchio ufficio vittoriano delle poste

(foto di Michele Panzeri)

Lo studio inglese 1508 Londonha trasformato gli spazi di un vecchio ufficio postale vittoriano di Londra negli interni di un particolarissimo appartamento.

Vista dell’ingresso (foto di Michele Panzeri)

Composto per un collezionista d’arte, appassionato in particolare dall’arte politica Russa, l’appartamento si caratterizza per la presenza di pannelli apribili, che rivestono tutte le superfici dello spazio definendo una calda scatola abitabile, talvolta aperta sui diversi ambienti.

Lo spazio d’ingresso che unisce le zone giorno e notte (foto di Michele Panzeri)

Tutte le superfici degli interni sono infatti, pensate per poter ospitare le numerose opere artistiche e realizzate secondo uno stile apparentemente scarno ma intenso ed avvolgente.

Particolare di un pannello aperto nel piano sopraelevato (foto di Michele Panzeri)

La composizione dell’appartamento, di forma triangolare, prevede l’inserimento del forte volume rettangolare del piano sopraelevato, adibito a zona notte, che risulta leggibile nell’ambiente del soggiorno a doppia altezza.

Vista dello spazio soggiorno a doppia altezza (foto di Michele Panzeri)

I due ambiti principali, notte e giorno, sono collegati da una scala nera in ferro la cui presenza si impone nello spazio d’ingresso.

Le pareti sono studiate per accogliere opere d’arte (foto di Michele Panzeri)

Ogni ambito dell’appartamento, compresi gli spazi di servizio della cucina e del bagno sono celati da pareti rivestite che si aprono in alcuni punti particolari, non solo attraverso le porte ma anche con pannelli che permettono la vista reciproca sugli ambienti.

Vista del living dall’alto (foto di Michele Panzeri)

I materiali sono selezionati con attenzione: se nell’ingresso a doppia altezza sono stati utilizzati pannelli d’acciaio alterati chimicamente che appaiono di colore brunito e scuro, il piano sopraelevato è rivestito da pannelli prefabbricati in calcestruzzo, più chiari e luminosi.

Lo spazio del bagno (foto di Michele Panzeri)

Questi ultimi si possono aprire dalla stanza da letto sul soggiorno e permettono comunque alla luce di filtrare negli ambienti, in un gioco di rifrazioni, attraverso lenti acriliche appositamente sistemate a perforarli nello spessore.

L’lluminazione degli spazi alla sera (foto di Michele Panzeri)

Grandi vetrate si aprono sugli spazi principali determinando il rapporto di contrasto degli interni: tra lo spazio del soggiorno lucente rispetto all’ingresso più buio durante le ore diurne, e poi nella notte, con lo scurirsi dell’esterno, dei caldi ambiti d’ingresso e cucina, ravvivati di numerose luci direzionate, rispetto agli ormai più freddi spazi living.

Vista del soggiorno (foto di Michele Panzeri)

Tutto l’insieme concorre a definire un luogo mutevole, che varia a seconda dei punti di vista, del momento del giorno e della configurazione degli elementi interni, e racchiude perfettamente l’essenza dell’abitare che oscilla tra apertura e chiusura, tra neccessità di solitudine ed ospitalità.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here