Un Cristallo per Kiruna

Foto di Henning Larsen Architects

Il nuovo municipio a Kiruna (Svezia), progettato da Henning Larsen Architects, è ispirato ai particolari caratteri storici e culturali della città.

Già soprannominato Krystallen (Cristallo), sarà il nuovo punto di incontro cittadino, dove le tradizioni democratiche incontreranno una nuova visione politica e gli eventi sociali e culturali.

L’opera si compone di due volumi, uno interno, a forma di cristallo, ispirato all’enorme concentrazione di questo minerale presente nel sottosuolo – alla cui estrazione si legano le origini della città-, ed uno esterno che galleggia intorno al cristallo come fosse un anello.

Foto di Henning Larsen Architects

All’interno, gli spazi aperti al pubblico prevedono sale espositive, laboratori, la city council hall, sale riunioni e balconate che si sovrastano l’un l’altra  per tutta l’altezza dell’edificio, che costituisce un nuovo riferimento nel paesaggio di Kiruna.

L’anello esterno, che protegge il primo dalle instabili condizioni atmosferiche della regione, ospita gli uffici per il personale dei vari dipartimenti. La particolare forma dell’edificio provoca delle correnti d’aria volte a far si che la neve non si depositi durante la stagione invernale, rappresentando iconograficamente la democrazia, la comunità e la solidarietà.

L’impianto planimetrico circolare rappresenta la democrazia, l’apertura verso la città avviene attraverso una rampa di scale che la collega agli spazi espositivi ed all’ultimo livello dell’edificio.

Foto di Henning Larsen Architects

All’interno, il principio democratico si traduce in una disposizione funzionale che prevede l’interazione fra i vari uffici negli spazi più esterni e la dislocazione delle funzioni pubbliche nel cuore del cristallo.

L’intervento di Larsen prosegue la tradizione di Kiruna, il cui municipio si contraddistingue per il particolare valore architettonico sin dal 1958, quando Artur von Schmalensee vinse il concorso per la sua progettazione (al quale partecipò anche Alvar Aalto) con un’opera che nel 1964, anno successivo all’inaugurazione, vinse il Kasper Salin Prize, il priù prestigioso premio di architettura svedese.

Numerosi sono i riferimenti che il Kristallen riprende dal vecchio fabbricato, tra i quali il campanile, ricollocato nella piazza antistante, ed il riutilizzo di materiali ed intere parti della precedente costruzione.

Foto di Henning Larsen Architects

La progettazione si è basata sui criteri di sostenibilità del metodo “Design with knowledge” sviluppato dallo stesso Larsen, che prevede la riduzione e l’ottimizzazione dei consumi energetici dell’edificio sin dalle prime fasi progettuali.

Il materiale ed il design delle finestre a nastro assicurano la riflessione della luce negli uffici, collocati lungo la facciata esterna.

Lo stesso vale per l’atrio, dove le superfici bianche della struttura del tetto e le superfici luminose degli interni garantiscono condizioni di luce ottimali al centro dell’edificio.

La scelta dei materiali mira a ridurre l’impatto ambientale, garantendo allo stesso tempo buone condizioni di lavoro per operai e utenti durante e dopo la  fase costruttiva.

di Carlotta Marelli

Foto di Henning Larsen Architects
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here