Un eco-resort per i 50 anni di Cancun

La torre Gran Cancun celebrativa dei cinquant’anni di storia della città di Cancun (foto di Richard’s Architecture + Design)

Grand Cancun, ideato da Richard’s Architecture + Design, sarà un resort per l’eco-turismo di lusso ideato come risposta alla diffusa crisi energetica e alla locale dipendenza della città dalle fonti di combustibili fossili.

La torre Gran Cancun dovrebbe divenire una piattaforma marina – resort per la produzione di energia (foto di Richard’s Architecture + Design)

Il progetto è una visione per l’anno 2020, nel quale la città di Cancun in Messico, celebrerà il suo cinquantesimo anniversario di fondazione. L’elemento architettonico si configura perciò come una scultura commemorativa posta direttamente sull’acqua e luogo di riferimento demarcativo nel paesaggio naturale circostante.

Particolare della piattaforma su cui si staglia la torre (foto di Richard’s Architecture + Design)

La concezione dell’architettura prende libera ispirazione da racconto di Kukulkàn, che prevede il ritorno del Dio-Serpente Maya: la struttura contribuisce a rinnovare il mito, innalzando dall’acqua un elemento rappresentativo del Dio-Serpente piumato.

Il “nastro” che compone la torre-resort ideato per la produzione di energia eolica e solare (foto di Richard’s Architecture + Design)

Ciò concorre nella volontà d’instaurare un dialogo architettonico con l’eccezionale armonia realizzata dal popolo Maya nella piramide a gradoni di Chichén Itzà, mettendo idealmente in relazione la città del passato con quelle del futuro.

Una camera del resort (foto di Richard’s Architecture + Design)

Grand Cancun dovrebbe divenire la prima piattaforma marina per la produzione di energia, in contrapposizione ai 3600 resort che consumano energia nel Golfo del Messico e nel Mar dei Caraibi. Viene utilizzato il concetto di piattaforma invece di un’isola artificiale per definire un minore impatto sul fragile ecosistema marino.

Obiettivo della struttura è anche il filtraggio dell’acqua marina (foto di Richard’s Architecture + Design)

L’edificio sarà totalmente auto sufficiente, composto di un hotel, centri congressi, aree commerciali e cinema: con un impronta di zero emissioni di carbonio, la struttura è ideata per fornire alla città di Cancun acqua potabile ed energia prodotta da fonti rinnovabili.

Schema funzionale della torre Gran Cancun (foto di Richard’s Architecture + Design)

Inoltre l’obbiettivo finale è quello di contribuire nella pulizia delle acque marine attraverso una tecnologia che consente la separazione degli idrocarburi e di solidi inquinanti dall’acqua.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here