Un hub mentale per investire sui giovani

I partecipanti al workshop di Lagostudio

Terminerà il 26 luglio il workshop di Lagostudio: nove giorni durante i quali Lago prova a fare il punto su nove anni di investimenti rivolti a giovani progettisti internazionali.

Il primo Lagostudio, lanciato nel 2005 nella sede dell’azienda a Villa del Conte da Daniele Lago ed il suo team di progettisti, è un laboratorio creativo al quale, ogni anno, partecipano giovani professionisti e studenti provenienti da oltre 33 paesi.

Obiettivo del laboratorio è indagare il tema dell’abitare, mettendo in discussione i canoni tradizionali dell’arredamento attraverso un brief fornito di volta in volta da Daniele Lago, head of designer dell’azienda, che coordina tutte le fasi della progettazione, in accordo con il “design angel” una versione avanzata ed evoluta del tutor progettuale.

Daniele Lago

«Lagostudio è l’hub mentale di Lago- spiega Daniele Lago – dove si esplorano scenari futuri relativi a nuovi prodotti, ma non solo, anche scenari dell’abitare, del produrre e più in generale di tutte le aree della casa che Lago indaga nel proprio business model. E’ l’estensione della capacità creativa di Lago di produrre nuove visioni che possono impattare positivamente nel mondo, per questo ritengo che sia così importante portare avanti quest’azione e partecipare attivamente il più possibile. Questa esperienza diventa poi il punto di partenza di una relazione che continuerà anche dopo il workshop per potere creare una community che permette ai designer di autopromuoversi e di collaborare con la Lago».

La nuova edizione del workshop vuole porre l’accento su problemi, bisogni e trend che stiamo vivendo in questi ultimi anni, sempre pensando l’uomo come il centro della progettazione.

Il design angel di questa edizione è l’architetto Marco Rainò, il quale proverà a fornire una visione laterale sul mondo del design, analizzando i progetti da un altro punto di vista.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here