Un premio ai costruttori di pace

Roustayan, Cucinella e Nkrumah tra i ragazzi del Ghana (foto Pilosio)

Pilosio, azienda specializzata nella produzione di attrezzature per il mondo delle costruzioni, ha creato dal 2011 il Pilosio Building Peace Award con l’intento di premiare annualmente un progetto, una persona o  un’organizzazione meritevole di aver contribuito al miglioramento globale delle condizioni di vita e alla tolleranza fra i popoli. L’edizione 2014 culminerà con la cerimonia di premiazione il prossimo 12 settembre al Palazzo Ducale di Venezia: è prevista la partecipazione di circa 300 persone, provenienti da una ventina di Paesi di tutto il mondo, che si confronteranno sul tema dello sviluppo equilibrato di una moderna società civile.

Samia Yaba Nkrumah (foto Pilosio)

La IV edizione del premio va alla politica ghanese Samia Nkrumah per la sua attività di promozione sociale in Africa e per aver attivato il processo di costruzione di una biblioteca nazionale intitolata alla memoria del padre, fondatore dello stato indipendente del Ghana.
Incaricato del progetto della biblioteca è Mario Cucinella ed essa vorrà essere un luogo di incontro e di scambio di esperienze in formazione, innovazione, economia, politica e cultura per tutto il continente africano.

Dario Roustayan (foto Pilosio)

“Costruire è un verbo con accezioni straordinariamente positive: si costruisce qualcosa per creare valore aggiunto, per creare posti di lavoro, per muovere le economie, per dare una casa a chi non ce l’ha, per favorire l’accesso all’istruzione con scuole nuove, per realizzare infrastrutture più moderne ed efficienti – dice Dario Roustayan, Ceo Pilosio e presidente del Pilosio Building Peace Award – Per questo è stata proprio la parola costruire in tutte le sue sfaccettature a ispirarci nella creazione di questo evento.”

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here