Una clubhouse sul porto di Blankenberge

Vista della nuova clubhouse dal porto (foto di Buro II & Archi+I)

Dopo anni di ricerca, la Flemish Aquatics Association ha finalmente trovato una nuova sede: al club è stata, infatti, data in concessione, per un periodo di 27 anni, l’area alla fine della Oude Wenduinse Steenweg e il Bevrijdingsplein, tra la precedente chiusa del molo e il canale del porto a Blankenberge, Belgio.

L’edificio, situato nelle inerenze del canale del porto (foto di Buro II & Archi+I)

L’idea fondamentale per il progetto della nuova clubhouse è l’intersezione di acqua e terra, oltre alla presenza del turismo ad animare il luogo. I progettisti, Buro II & Archi+Isi sono concentrati non solo sulla disposizione planimetrica, ma soprattutto sulla funzionalità dell’edificio, che costituirà un’attrazione pubblica, nonché luogo di ritrovo per gli escursionisti.

Vista della nuova clubhouse illuminata alla sera (foto di Buro II & Archi+I)

L’integrazione nel suo contesto e l’uso ottimale della vista panoramica verso il mare sono i principi che guidano la costruzione dell’edificio, composto di superfici e volumi che confluiscono in un linguaggio organico. Al suo interno, le varie stanze sono inondate dai raggi di luce, mentre le terrazze esterne creano l’illusione ottica di un’estensione nel paesaggio, permettendo una bellissima vista del porto turistico.

La terrazza sopra la clubhouse (foto di Buro II & Archi+I)

La facciata dell’edificio è caratterizzata da un design straordinariamente elegante, realizzato dall’uso del calcestruzzo architettonico bianco nelle forme curvilinee che seguono le istanze del luogo. Tutte le strutture relative al porto turistico si trovano al piano terra, insieme all’ufficio del comandante del porto e dei suoi collaboratori, posto a capo dell’edificio per permettere la vista panoramica sul canale.

Vista della architettura integrata nel paesaggio (foto di Buro II & Archi+I)

Il ristorante con la terrazza all’aperto si trova sul lato sud-ovest della costruzione, anch’esso affacciato sul porto con grandi vetrate. Al primo piano, invece, collegata con il piano inferiore ma disposta anche per un funzionamento separato, trova luogo la mensa accessibile al pubblico.

Gli interni con grandi viste sul porto (foto di Buro II & Archi+I)

Il design del ristorante e bar è stato elaborato in collaborazione con l’architetto d’interni Lieven Musschoot e l’edificio, aperto al pubblico, sarà utilizzato come club house per l’associazione acquatici VVW Blankenberge.

Particolare degli interni (foto di Buro II & Archi+I)

In tutto il complesso è stata particolarmente perseguita la possibilità d’accesso per i disabili, sono stati previsti spazi sufficientemente ampi, privi dei dislivelli delle soglie d’accesso e inserito un ascensore che collega la mensa e la terrazza al piano superiore. Si è curata, infine, la sostenibilità energetica del progetto attraverso la scelta di una caldaia a condensazione, un sistema di ventilazione con recupero di calore, pannelli solari per l’acqua calda e l’uso di materiali, come il cemento, che assicura un’elevata capacità termica.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here