Una “Insect City” per la Stoccolma di domani

Il Buzz Building di Belatchew Arkitekter Labs (foto di Belatchew Arkitekter Labs)

Lo studio Belatchew Arkitekter Labsha progettato la Insect City e il nuovo Buzz Building, dimostrando la possibilità di costruire un efficace e sostenibile alternativa nella produzione di proteine per Stoccolma.

Vista dell’edificio ideato per le rotatorie di Stoccolma (foto di Belatchew Arkitekter Labs)

Rahel Belatchew Lerdell, Ceo e fondatore di Belatchew Arkitekter, spiega: “L’anno scorso abbiamo presentato la centrale urbana Strawscaper che ha ricevuto grande interesse in tutto il mondo. Quest’anno proseguiamo con una proposta per i servizi all’ecosistema nelle forme dell’InsectCity e BuzzBuilding, al fine di dimostrare che le città possono diventare autosufficienti, aspetto centrale non da ultimo a Stoccolma e in Svezia, nell’ottica di una veloce crescita dell’urbanizzazione europea”.

Un interno dell’edificio (foto di Belatchew Arkitekter Labs)

Le stime suggeriscono che la popolazione di Stoccolma potrebbe raggiungere i 940.700 abitanti entro il 2018 e Belatchew Labs propone gli insetti come fonte alternativa di proteine per soddisfare le esigenze della popolazione in crescita: i progettisti spiegano che la InsectCity e il complesso del BuzzBuilding non avranno un effetto negativo sull’ambiente naturale, così come avverrebbe con l’aumento della produzione di carne.

Vista aerea dell’inserimento urbano (foto di Belatchew Arkitekter Labs)

Il BuzzBuilding viene proposto per le nove rotatorie situate in tutta la città di Stoccolma, ciascuna con circa 900 metri quadrati di superficie coltivabile: un ristorante si trova al piano terra, dove il pubblico potrà degustare gli insetti allevati al piano di produzione superiore.

Sezione (foto di Belatchew Arkitekter Labs)

Gli edifici a forma di ciambella prendono ispirazione dalla struttura di un insetto, con un esoscheletro in acciaio che racchiude l’intero flusso di produzione degli insetti dall’uovo al prodotto finale.

Struttura e funzionamento del edificio (foto di Belatchew Arkitekter Labs)

I grilli sarebbero l’insetto principale allevato in loco attraverso un processo seguito dall’accoppiamento alla schiusa, dalla maturazione alla raccolta. Il progetto architettonico, inoltre, costituisce un rifugio sicuro per le api e specie simili d’insetti, in via di estinzione, migliorando l’ecologia di Stoccolma e trasformandola in una città fertile.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here