photo by Hanns Joosten
photo by Hanns Joosten

UNESCO World Heritage Site Abbey Lorsch

Le scritture classiche dell’antichità sono andate quasi tutte perdute. Ciò che sappiamo circa il paradiso biblico o la storiografia di Erodoto, ci è pervenuto principalmente grazie alle trascrizioni degli scriptoria medievali dei monasteri. Uno dei centri più importanti di tale riedizione della memoria culturale è stata l’Abbazia benedettina di Lorsch, Germania, vicino al fiume Reno. Non più monastero dal 1557, e riconosciuto come Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1991, il sito condivide il destino delle Scritture antiche: poco è rimasto della sua sostanza originaria.

photo by Hanns Joosten
photo by Hanns Joosten

Il progetto di restauro implica sempre un’operazione di reinvenzione e rifacimento, una ricostruzione della storia. In questo caso, gli architetti hanno scelto di non resuscitare fisicamente la realtà perduta dell’Abbazia, ma di creare piuttosto un collegamento tra passato e presente.

Continua a leggere su: www.area-arch.it

LASCIA UN COMMENTO