Un’istallazione in bambù per Barcellona

Vista dell'istallazione in Plaça Nova, Barcellona (foto di Marcela Grassi per Miralles / Tagliabue EMBT)
Vista dell’istallazione in Plaça Nova, Barcellona (foto di Marcela Grassi per Miralles / Tagliabue EMBT)

In occasione dell’evento Bcn re.set, organizzato dall’architetto Benedetta Tagliabue con la Fundació Enric Miralles, sono stati realizzati una serie di padiglioni attorno alla città di Barcellona.

La struttura si estende nella piazza proseguendo l'andamento di antiche murature (foto di Marcela Grassi per Miralles / Tagliabue EMBT)
La struttura si estende nella piazza proseguendo l’andamento di antiche murature (foto di Marcela Grassi per Miralles / Tagliabue EMBT)

Per una di queste istallazioni, lo studio Urbanus ha ideato una struttura in bambù che, facendo riferimento al tema dell’identità, reinterpreta gli archi antichi romani e le volte catalane.

Lo spazio "poroso" definito dall'istallazione (foto di Marcela Grassi per Miralles / Tagliabue EMBT)
Lo spazio “poroso” definito dall’istallazione (foto di Marcela Grassi per Miralles / Tagliabue EMBT)

Lo studio ha lavorato con la scuola di architettura La Salle,Url, impiegando la conoscenza locale per la concezione e realizzazione della struttura, e per arricchire il progetto.

Vista frontale (foto di Marcela Grassi per Miralles / Tagliabue EMBT)
Vista frontale (foto di Marcela Grassi per Miralles / Tagliabue EMBT)

Il padiglione divide Plaça Nova, estendendosi da una sezione di muro antico:  la soglia così costruita distingue uno spazio di ritrovo per la città, ed è ideato per ospitare attività espressive dell’identità regionale.

Particolare (foto di Marcela Grassi per Miralles / Tagliabue EMBT)
Particolare (foto di Marcela Grassi per Miralles / Tagliabue EMBT)

L’installazione è composta da pezzi di bambù dello spessore di 10 millimetri, che si incastrano tra loro per definire una struttura reticolare con arcate disposte su tutta la lunghezza.

L'architettura è composta da sottili elementi in bambù (foto di Marcela Grassi per Miralles / Tagliabue EMBT)
L’architettura è composta da sottili elementi in bambù (foto di Marcela Grassi per Miralles / Tagliabue EMBT)

Su uno dei lunghi prospetti del padiglione sono state inserite una serie di aperture voltate con archi romani, mentre sul prospetto opposto si trovano quelle con grandi volte catalane.

Vista dei componenti per la costruzione assemblati con incastri a pettine (foto di Marcela Grassi per Miralles / Tagliabue EMBT)
Vista dei componenti per la costruzione assemblati con incastri a pettine (foto di Marcela Grassi per Miralles / Tagliabue EMBT)

L’intera struttura compone una soglia porosa e, alla vista, diafana, costruita, tuttavia, da un sistema solido e molto stabile che non ha necessita di sostegni provvisori.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO