Un’onda variopinta per la Scuola d’Architettura della University of Minnesota

(foto di Variable Project)

La Centennial Chromograph è il progetto di ricerca e design dello studio Variable Project, realizzato per rappresentare la storia della Scuola d’Architettura della University of Minnesota.

Centennial Chromograph, la scultura che celebra il centenario della Scuola d’Architettura dell’University of Minnesota (foto di Variable Project)

Composta utilizzando 8080 matite colorate insieme a 100 costole di compensato, la scultura costituisce un tributo ai 100 anni d’attività della Scuola ed è stata composta attraverso un esperimento di spazializzazione dei dati raccolti nell’Università durante questi anni.

Centennial Chromograph è composta utilizzando 8080 matite colorate insieme a 100 costole di compensato (foto di Variable Project)

L’istallazione sembra, a prima vista, semplicemente un onda variopinta, in realtà le costole ricurve esprimono le epoche delle Scuola con le sue leadership, gli edifici che sono stati occupati, i collegi a cui si è aderito; mentre i colori delle matite corrispondono alla mutevole composizione dei corsi di laurea ed al numero dei laureati nei vari corsi, succedutisi durante il secolo passato.

Particolare delle ombre dinamiche che la struttura getta sull’intorno (foto di Variable Project)

Il progetto è cominciato nel marzo 2013 dallo studio di laurea “Architecture as Catalyst” pensato da Adam Marcus, insieme a Nathan Miller di Case. Gli studenti d’architettura hanno poi proseguito la ricerca in un workshop di quattro giorni in cui sono state esplorate le tecniche digitali per generare una forma spaziale derivata dai dati storici e le diverse strategie materiche per rappresentare le informazioni in una disposizione spaziale.

Schema compositivo (foto di Variable Project)

Il risultato è la Centennial Chromograph, un esempio di design informativo e caso interessante di ricerca architettonica, rimasto nel cortile centrale della Ralph Rapson Hall, sede della Scuola negli ultimi cinquant’anni, dove durante la celebrazione del centenario le matite sono state messe a disposizione di studenti e visitatori come souvenir.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here