Vetrate a controllo solare per il “Bosco Verticale”

I vetri a controllo solare di Agc Interpane garantiscono un buon bilancio energetico (foto di Agc Interpane)
I vetri a controllo solare di Agc Interpane garantiscono un buon bilancio energetico (foto di Agc Interpane)

Agc Interpane – alleanza strategica tra Agc ed Interpane – è tra i protagonisti della realizzazione del Bosco Verticale, grazie all’importante fornitura di 10mila metri quadrati di vetro a controllo solare, utilizzati per le facciate dell’architettura.
Gli architetti di Boeri Studio si sono recentemente aggiudicati l’International Highrise Award 2014 per il progetto Bosco Verticale: due grattacieli residenziali che presentano un “bosco verticale” integrato in facciata.
Le torri di Bosco Verticale sono state realizzate nell’area di Porta Nuova, nella zona nord di Milano, come parte del progetto di riqualificazione urbana Metrobosco: questo, punta a migliorare l’eco-compatibilità dell’area milanese che, finora, ha visto la realizzazione di 7.700 metri quadrati di nuovi spazi naturali, di cui 5.500 aperti al pubblico.
Sulle terrazze ed i balconi delle due nuove torri, in particolare, crescono circa 800 specie arboree e molti altri esemplari di piante, che costituiscono una fusione perfetta tra natura ed architettura urbana. Le piante e gli alberi assorbono la polvere, trasformano la CO2 in ossigeno e proteggono gli appartamenti dal sole e dal rumore.

Le vetrate a controllo solare di Agc Interpane realizzano le facciate del "Bosco Verticale" (foto di Agc Interpane)
Le vetrate a controllo solare di Agc Interpane realizzano le facciate del “Bosco Verticale” (foto di Agc Interpane)

Il bilancio energetico delle torri è stato ulteriormente migliorato grazie alle vetrate a controllo solare di Agc Interpane: ipasol neutral 73/42, ipasol neutral 48/27 e Stopray Vision-36T sono stati scelti per le facciate, quali vetri ad alte prestazioni che offrono un’eccellente protezione contro il surriscaldamento in estate, lasciando penetrare la luce in tutti gli spazi abitativi.

Le tre diverse tipologie di vetro, a controllo solare, sono state installate in funzione della direzione d’esposizione, per soddisfare i requisiti d’isolamento ed illuminazione.
Ipasol neutral 73/42, con un fattore solare del 42 per cento e una buona trasmissione luminosa del 73 per cento, permette di ottimizzare la quantità di luce naturale che penetra all’interno di ciascun edificio, nei prospetti interessati da minor radiazione solare.
Ipasol neutral 48/27 invece, grazie al suo basso fattore solare del 27 per cento, consente agli ambienti adiacenti alle facciate in vetro di non surriscaldarsi mai, persino in piena estate, permettendo di risparmiare sui costi di climatizzazione; il vetro, inoltre, continua ad avere una trasmissione luminosa del 48 per cento, conforme al principio progettuale dell’involucro trasparente.
Stopray Vision-36T, infine, garantisce il massimo controllo solare per le facciate esposte a sud, in quanto presenta un fattore solare minimo, di appena il 20 per cento, e una trasmissione luminosa del 33 per cento; inoltre, con un eccellente valore d’isolamento termico Ug pari a 0,9 W/(m2K), questo vetro offre anche un’efficace protezione contro la perdita di calore durante l’inverno.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO