White Tower: un’italiana a New York

Michele Franzina+Partners, White Tower, prospetto sud

Sarà made in Italy la nuova White Tower che sorgerà a ridosso di Central Park a New York, il nuovo progetto realizzato da Franzina + Partners Architettura che ha riscosso grande interesse.

Michele Franzina+Partners, White Tower, dettaglio della facciata

Si tratta di un edificio destinato ad accogliere una chiesa ed una destinazione residenziale: il progetto di Franzina prevede un’area di circa 900 metri quadri per la struttura religiosa e 3500 metri quadri per le residenze, composte da 24 appartementi con due camere da letto , 12 con una camera sola e 2 duplex.

Michele Franzina+Partners, White Tower, sezione

La struttura puntiforme della torre lascia libera la facciata, vetrata, e consente di ridurre i costi di costruzione grazie ad una luce libera tra i pilastri, variabile tra i 4,5 e i 5,5 metri, che permette l’applicazione di lastre strutturali sottili (circa 1 metro). L’obiettivo dell’economicità della costruzione è stato perseguito anche attraverso una riduzione generale dell’altezza dell’edificio a 50 metri, lasciando inalterato il numero dei piani previsti -15- e contraendo i tempi di costruzione a 24 mesi.

Michele Franzina+Partners, White Tower, piano terra

Il nucleo in cemento armato è stato collocato centralmente in modo da dare rigidità alla struttura ed essere corrispondente alla posizione dei pilastri, posizionato e dimensionato in modo da ridurre al minimo lo spreco di spazi e consentire la costruzione di tre unità abitative per piano.

Michele Franzina+Partners, White Tower, secondo piano

Ciascuna unità abitativa è dotata di vista su Central Park, bagno con finestra,  orientamento rivolto per l’80%a sud, in modo da consentire il risparmio energetico, ed un terrazzo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here